Corso di saldatura all'Itis di Pomarance

Grazie al progetto laboratori aperti dell'ITIS A. Santucci di Pomarance è stato organizzato il primo corso di saldatura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

All’interno del Progetto Scuola e Impresa, finanziato dal Comune di Pomarance tramite il CoSviG, è stato realizzato all’ITIS 'A. Santucci' di Pomarance un labortorio di saldatura. Il laboratorio, nato per dare risposte formative alle esigenze di professionalità emerse all’interno del Comitato Tecnico Scientifico del SEI, al quale partecipano le principali realtà produttive dle territorio, rientra nel progetto 'Laboratori Aperti' per cui la scuola di Pomarance mette a disposizione delle aziende e dei professionisti le sue attrezzature e i suoi laboratori purchè vengano coinvolti gli studenti nel loro utilizzo.

Da lunedì 9 luglio anche la PES ha iniziato a partecipare al progetto, organizzando all’interno dei laboratori della scuola un corso per saldatori TIG. Il corso, della durata di 40 ore, terminerà con l’esame necessario per l’ottenimento del patentino di saldatore TIG, specializzazione molto richiesta nel nostro territorio in quanto indispensabile per la realizzazzione di tubazioni, condotte e vapordotti. Grande soddisfazione è stata espressa dalla preside dell’ITIS, Ester Balducci, "sempre più aziende hanno aderito al progetto Scuola E Impresa (SEI); quest’anno hanno iniziato a collaborare fattivamente la Smith Tool di Saline di Volterra, la Solvay(Unità di, Ponteginori) la Ferroli (stabilimento di Casole di Val D’Elsa) e la PES (sedi di Rosignano e Pomarance). Questa collaborazione ha permesso alla scuola di ricevere importanti feedback sulla preparazione dei ragazzi, dando anche indicazioni sulle professionalità richieste dal mercato del lavoro. Il miglior risultato però si è visto nei ragazzi, che confrontandosi seriamente con il mondo del lavoro, sono più consapevoli e motivati".

Torna su
PisaToday è in caricamento