Covid-19: al via i rimborsi per gli spettacoli annullati a Santa Croce sull'Arno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La stagione di prosa del Teatro Verdi di Santa Croce si è interrotta bruscamente a causa dell’emergenza Covid-19 e dei conseguenti DPCM promulgati all’inizio del mese di marzo e dalle disposizioni indicate dal Dl “Cura Italia” del 17 marzo 2020.

Tutte le attività della stagione 2019/2020 sono state interrotte, una decisione dolorosa ma necessaria per tutelare la salute degli spettatori, degli artisti e dell'intera comunità. 

Il 31 marzo la Fondazione Toscana spettacolo onlus, che è partner del Comune di Santa Croce sull’Arno nella realizzazione della stagione, ha comunicato il definito annullamento degli ultimi due spettacoli “Si nota all’imbrunire” con Silvio Orlando in programma il 17 marzo e “Tartufo” con Giuseppe Cederna previsto per il 1 aprile.

“Com'è facile immaginare- spiega Renzo Boldrini, direttore artistico del teatro- la paralisi generale delle attività dello spettacolo dal vivo crea gravi problemi di prospettiva per tutto il settore e, a caduta, anche per un teatro come il nostro, che si è sempre distinto per politiche di accesso per i cittadini di ogni età e ottimizzazione delle risorse, completamente destinate per consentirci una programmazione di grande qualità, al pari delle grandi città”. 

Consapevoli della fragilità del settore la direzione artistica del Verdi insieme alla Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Giallo Mare Minimal Teatro, a nome del mondo della cultura e a nome di tutti gli operatori che la animano, ringraziano anticipatamente gli spettatori che sceglieranno di sostenerlo, rinunciando alla quota di rimborso per ciò che concerne i due spettacoli annullati.

Il rimborso è pari a 31 euro per gli abbonamenti ordinari e di 26 euro per gli abbonamenti ridotti e per richiederlo bisogna seguire queste modalità:

- scansionare o fotografare il tagliando di  abbonamento in fronte e retro, in modo che il documento sia chiaramente leggibile in ogni sua parte; 

- inviare le scansioni o le foto  insieme alla richiesta di rimborso al seguente indirizzo email info@giallomare.it  entro il 16 aprile, data ultima prevista da circolare SIAE collegata al decreto Cura Italia. 

Stessa prassi per chi ha i biglietti per assistere ad una o a entrambe le rappresentazioni annullate. Il rimborso dei tagliandi sarà calcolato al netto di eventuali sovraprezzi di prevendita o servizi d'intermediazione nell'acquisto dei titoli d'ingresso.

Eseguita la richiesta di rimborso entro trenta giorni si riceverà un voucher dell'importo  dovuto per ogni specifica richiesta, spendibile per accedere ad  attività realizzate dal Teatro comunale Verdi in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo entro un anno dalla data di emissione. 

Torna su
PisaToday è in caricamento