Donazioni di sangue: aumentano a Pisa, calano in Toscana

I dati relativi al 2018 forniti da Avis. Sabato e domenica, a Tirrenia, la 48ª assemblea regionale dell'associazione di volontariato

Le donazioni sono in calo in gran parte della regione ma aumentano a Pisa. E' quanto emerge dai dati relativi alle donazioni Avis in Toscana. Nel 2018 le donazioni in tutta la Toscana sono state 110.489, pari all’1,99% in meno rispetto al 2017. Una diminuzione che continua dal 2012 in cui ne furono effettuate ben 122.811. Sono diminuiti anche i donatori, che scendono nel 2018 a quota 57.342 rispetto ai 58.430 del 2017. Tuttavia, pur in presenza di un andamento negativo di donazioni e numero di donatori, nel 2018 l’indice di donazione, ovvero il numero di donazioni pro-capite per anno, è rimasto invariato attestandosi a 1,93 come nel 2017.

Il calo di donazioni interessa una buona parte del territorio regionale, salvo eccezioni. Tra queste appunto Pisa dove, quest’anno, si è verificato un incremento di oltre il 4%, rispetto al 2017. Donazioni in crescita (+35%) anche nell'area della Piana di Lucca: un aumento dovuto soprattutto al contributo apportato da una nuova sede Avis costituitasi sul territorio. Cresce infine anche a Siena (+0,2%). Il calo delle donazioni è marginale nelle province di Arezzo e Grosseto, dove la perdita si attesta intorno allo 0,6%, mentre la situazione appare più critica nelle altre zone toscane ed in particolare nell'area della Versilia con una perdita di donazioni pari a circa il 5% e la provincia di Prato con un -6,7% di donazioni rispetto all’anno precedente

"Sono tantissimi - spiega il presidente di Avis Toscana, Adelmo Agnolucci - i motivi che rendono la donazione di sangue un volontariato non facile e immediato. Vorrei che sempre più giovani si avvicinassero, vivendo la donazione come un atto di cittadinanza attiva. E’ vero che i nuovi soci sono prevalentemente i giovani con un‘età compresa tra i 18 e i 25 anni, rappresentando nel 2018 il 35% dei nuovi associati, ma è costantemente in crescita l’età dei soci donatori: la fascia di età più numerosa è quella tra i 46 e 55 anni". 

"Sarà utile - continua Agnolucci - aprire una riflessione sul nostro modello organizzativo per valutare se la nostra presenza sui territori sia adeguata a contrastare ed invertire la tendenza negativa. C’è da aggiungere, in generale, che negli ultimi anni grazie ad una miglior gestione nell’uso di questa preziosa risorsa, sono diminuiti i consumi. Questo ci assicura per il momento un relativo equilibrio del sistema, ma non ci deve far abbassare la guardia per quanto riguarda i prossimi anni, quando dovremo misurarci con il calo demografico e il progressivo invecchiamento della popolazione".

A Tirrenia la 48ª assemblea di Avis Toscana

I duecento delegati delle Avis di tutta la Toscana si sono dati appuntamento a Tirrenia, al Grand Hotel Continental, il 13 e 14 aprile per la 48ª assemblea di Avis Toscana. Quest’anno il tema che guiderà i lavori è 'Reti solidali, le nuove rotte del volontariato del dono' a significare l’importanza del lavoro in rete con tutti gli attori del sistema trasfusionale che è pubblico e che fa parte del Sistema sanitario nazionale. 

Dopo la relazione del presidente di Avis Toscana, Adelmo Agnolucci, e il saluto delle autorità presenti ci sarà l’intervento dell’on. Rosy Bindi, ministro della Sanità dal 1996 al 2000, sulla ricorrenza del quarantennale dell’istituzione del Servizio sanitario nazionale. I lavori si apriranno sabato mattina e proseguiranno fino alle 13 di domenica con le relazioni degli organi istituzionali e il dibattito.

Verranno quindi approvati il bilancio consuntivo 2018 e quello preventivo 2019 e delle modifiche di adeguamento allo statuto in base alla legge di riforma del terzo settore. Un punto che verrà portato in evidenza durante i lavori assembleari è costituito dalle novità introdotte con la riforma del terzo settore che suscitano perplessità e che andranno analizzate nell’ottica di preservare la dimensione pubblica della sanità e del welfare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento