Debiti fuori bilancio: la Sms Biblio costa al Comune di Pisa 440mila euro in più

In Consiglio Comunale è stata votata la ricognizione, che recepisce una sentenza sfavorevole del Tribunale per l'appalto saltato con la ditta Laux srl

Fu colpa del Comune la risoluzione del contratto per la costruzione della Sms Biblio, appalto di lavori che era stato assegnato nel 2008 alla ditta Laux srl. L'azienda ricorse al Tribunale civile di Pisa nel 2009, lamentando problemi progettuali e fermando le lavorazioni nel cantiere. L'intervento fu poi realizzato da un'altra impresa, con in parallelo l'apertura della causa fra Laux e il Comune. Il 20 settembre 2018 è stata pubblicata la sentenza di primo grado: l'ente pubblico deve pagare un risarcimento di 352mila euro, più 90mila euro di interessi e rivalutazioni e 26mila euro di spese legali. 

E' questo ciò che emerge dalla ricognizione dei debiti fuori bilancio votata oggi, 21 dicembre, in Consiglio Comunale. Nel documento approvato si leggono stralci del giudizio, da cui nella sostanza emerge che "la stazione appaltante (il Comune ndr) non ha prestato la dovuta collaborazione all'impresa", finendo, in definitiva, per configurare un "gravissimo inadempimento contrattuale del Comune di Pisa, mentre la condotta contrattuale dell'Ati appare immune da censure". Il Comune valuta ora l'opportunità di proporre appello alla sentenza, tuttavia questa è esecutiva, per cui l'ente è tenuto a corrispondere le somme previste.

"La ditta che aveva vinto l'appalto non è partita con i lavori e gli uffici tecnici hanno risolto il contratto - ha riassunto e commentato a margine del Consiglio Comunale il sindaco Conti - ciò è successo, secondo la ditta, per problemi oggettivi perché in quella zona hanno trovato l'acqua, come per Piazza Vittorio Emanuele, e hanno mollato tutto alla fine; secondo gli uffici invece erano inadempienti e gli hanno tolto i lavori. Questi hanno fatto causa e hanno vinto. Fra questa e un'altra vecchia causa per un incidente stradale abbiamo spesato un milione e 100mila euro, la verità è questa, soldi che potevano andare in riqualificazione delle periferie o ristrutturazioni delle case popolari". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • 'L'Amica geniale' fa tappa a Pisa e alla Normale: appuntamento in prima serata su Rai 1

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

Torna su
PisaToday è in caricamento