Ospedale Stella Maris cardiologicamente protetto: installati 13 nuovi defibrillatori

Arrivano così a 18 gli strumenti presenti, per una copertura totale della struttura

Una batteria di 18 defibrillatori dislocati in tutti i piani, per intervenire tempestivamente in caso di emergenze cardiache, anche se non si è esperti. Succede all’Ospedale di Neuropsichiatria Infantile IRCCS dell'IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone, che si è dotato di una copertura completa di Defibrillatori Automatici (DAE).

"In questi giorni - racconta il Direttore Sanitario della Stella Maris, Giuseppe De Vito - è stata completata l’istallazione di altri 13 dispositivi che si aggiungono ai 5 tradizionali già in dotazione, in precedenza collocati presso i servizi di RM e presso le medicherie di pronto intervento. Il personale dell’Istituto ha accolto con interesse ed entusiasmo il corso di formazione per utilizzare al meglio questi dispositivi salva-vita".

La novità è che questi nuovi defibrillatori sono completamente automatici e consentono anche ai 'non esperti' di poter intervenire tempestivamente e correttamente in situazioni di emergenza cardiaca acuta. Ogni anno in Italia muoiono circa 70mila persone per morte improvvisa: qualunque sia la causa, l’evento finale è sempre la fibrillazione cardiaca che può essere interrotta solamente da una o più scosse elettriche erogate da uno di questi apparecchi.

"Per sperare di salvare la vita di chi si trova in queste condizioni - spiega De Vito - l’intervento deve essere immediato cioè deve essere fatto nei primi 2/3 minuti dal manifestarsi del malore, un lasso di tempo troppo breve per pensare ad un intervento efficace del 118 ma anche del personale sanitario in servizio nel nostro ospedale". L’Ospedale di Neuropsichiatria Infantile della Fondazione Stella Maris è una struttura grande, articolata su tre edifici e soprattutto frequentata ogni giorno da centinaia di persone tra bambini, genitori, operatori, allievi delle varie scuole di specializzazione e frequentatori di corsi e convegni. Motivi per cui è stato deciso di attivare una rete interna con la dislocazione dei DAE in punti strategici.

"Per attuare questo programma di prevenzione ci siamo rivolti alla competenza nel settore del Dott. Maurizio Cecchini - aggiunge De Vito - cardiologo presso il Dipartimento di Emergenza ed Urgenza dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Pisa che da oltre 30 anni si prodiga per sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi. Il dottor Cecchi si impegna quotidianamente con la associazione da lui fondata nel 2007 'Cecchini Cuore Onlus' e di cui è il presidente, per promuovere la diffusione dei DAE con lo scopo di salvare vite umane. Abbiamo avuto il piacere di ospitare il dottor Cecchi per un corso di formazione per i nostri operatori: la sola installazione dei defibrillatori automatici non è infatti una misura sufficiente se le persone non sono sensibilizzate al problema".

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

  • Ritardatari delle ferie: 9 cose da fare per pulire casa prima della partenza

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento