Via San Lorenzo: “Immobile a rischio crollo, situazione pericolosissima”

E' quanto denuncia Filippo Bedini di Noi Adesso Pis@ che sottolinea come a correre rischi siano i passanti. In atto contenzioso tra Comune e proprietà

Un 'interrogazione a sindaco e giunta sulla “disastrosa condizione del fabbricato posto in via San Lorenzo 25/27”. E' quella presentata dal consigliere di Noi Adesso Pisa, Filippo Bedini. “Si tratta di una struttura - spiega il consigliere di Nap - che il Comune ha avuto per decenni in comodato d'uso gratutito e che negli anni è stato usato come residenza a tariffe agevolate. Si è poi aperto un contenzioso con la proprietà, un contenzioso che il Comune utilizza come scusa per non risolvere una situazione pericolosissima, prima di tutto per l'incolumità delle centinaia e centinaia di persone che passano qui sotto ogni giorno. Un vera e propria ferita aperta in centro città”.

>>> GUARDA IL VIDEO: IL PALAZZO A RISCHIO CROLLO <<<

Secondo Bedini il pannello in compensato posto a protezione dell'area prospiciente l'immobile non basta infatti a garantire la sicurezza dei pedoni nel caso in cui la struttura dovesse collassare. Non solo. “C'è anche un problema legato al parcheggio - afferma ancora Bedini - visto che i pannelli occupano suolo pubblico e lo spazio equivalente di 8/9 stalli”. “L'amministrazione - prosegue - deve dirci che cosa intende fare per garantire la sicurezza dell'immobile e dei passanti e cosa farà nel caso in cui, come è probabile, venga condannata a ristrutturare il bene prima di restituirlo alla proprietà, così come previsto dai contratti di concordato. Infine chiediamo di sapere a carico di chi risultano essere le spese per il suolo pubblico occupato dalle impalcature”.

LA STRUTTURA. L'immobile negli anni ha già subito vari interventi di messa in sicurezza ed è stato spesso usato come ricovero abusivo di senza fissa dimora. Dopo l'ultimo crollo, verificatosi a giugno 2015, i Vigili del Fuoco hanno dichiarato inagibile la struttura, essendoci il pericolo di nuovi crolli. L'edificio è proprietà privata, in comodato d'uso gratuito al Comune dagli anni '70. Venne concesso per alloggiare famiglie bisognose, originariamente per un paio d'anni, poi lo è rimasto fino al 2000 quando fu sgomberato per motivi di incolumità pubblica. Il deperimento del bene è stato quindi costante nel tempo di gestione pubblica. Sempre nel 2000 il Comune decise di riconsegnarlo ai proprietari, che però a quel punto si sono opposti date le condizioni di conservazione. Nel 2009 il Comune ha presentato istanza al Tribunale per la riconsegna, nuova opposizione e contenzioso in corso.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Due lievi scosse di terremoto a Castelnuovo Val di Cecina

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

Torna su
PisaToday è in caricamento