Deposito bici rimosse, cambia sede: ecco come funziona il servizio

Il centro viene trasferito in via Battisti. Due volte al mese vengono rimosse le bici lasciate dove la sosta è vietata e anche quelle a cui mancano pezzi strutturali

Il deposito delle bici rimosse, che ha avuto finora la sua sede in via Galluppi, sarà trasferito da lunedì 9 maggio, in via Battisti, n° 71.
Il deposito sarà aperto nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9.00 alle 12.00 e il martedì e il giovedì dalle 14.30 alle 17.00.
Al deposito vengono portate le bici periodicamente rimosse; i proprietari delle bici rimosse hanno 6 mesi di tempo per rientrare in possesso del loro mezzo. Passati i sei mesi senza che nessuno abbia ritirato le bici, queste vengono messe in vendita.
Chi è interessato all’acquisto può chiamare il numero 344.8995928.

COME FUNZIONA LA RIMOZIONE DELLE BICICLETTE

Vengono rimosse le bici lasciate in luoghi dove la sosta è vietata, posteggiate sui marciapiedi, legate agli alberi, ai lampioni, alla grondaie e quelle a cui mancano pezzi strutturali. In genere la rimozione avviene due volte al mese, in giorni diversi per evitare di essere prevedibile e quindi inutile. Il giro inizia sempre dalla stazione.

Il servizio di rimozione delle bici abbandonate si attiva in seguito a segnalazioni  sul sito del Comune di Pisa o di Pisamo scrivendo a bertinim@pisamo.it e anche chiamando il cellulare dell’ufficio bici di Pisamo: 3929707002.

Pisamo gira la segnalazione alla Polizia Municipale che insieme alla ditta Alice si attiva per la rimozione del mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Piena dell'Arno, fase di picco attesa per la tarda serata: "Ci siamo mossi in anticipo, siamo pronti"

Torna su
PisaToday è in caricamento