Ospedaletto, dipendente comunale si sente male: salvato con il defibrillatore

Grazie alla presenza dell'apparecchio e a due colleghi in grado di utilizzarlo, il dipendente è stato salvato. I Delegati e lavoratori indipendenti riflettono sull'importanza dello strumento

"Da anni assistiamo a deroghe continue sull'obbligo dei defibrillatori intensificando i corsi di formazione per il corretto utilizzo degli stessi. Nella giornata odierna, un defibrillatore ha salvato la vita a un dipendente comunale. Per fortuna c'erano, oltre all'apparecchio, anche due colleghi che, avendo frequentato il corso, erano formati per l'utilizzo". A raccontare l'accaduto sono i Delegati e lavoratori indipendenti.

"L'episodio è avvenuto all'ora di pranzo presso il complesso Valdarno ad Ospedaletto - affermano - il lavoratore è stato ricoverato d'urgenza. Nei mesi scorsi abbiamo letto di deroghe continue all'obbligo di dotare alcuni luoghi pubblici e campi sportivi del defibrillatore. Pensiamo che questi strumenti salva vita dovrebbero essere installati a carico dello Stato e i datori pubblici e privati dovrebbero periodicamente formare lavoratori\trici all'utilizzo. Oggi possiamo parlare di una vita umana salvata per la presenza del defibrillatore utilizzato da due persone formate all'uso".

"Ma inutile dire che non possiamo abbassare la guardia - concludono i Delegati e lavoratori indipendenti - bisogna costruire una cultura della sicurezza che non ha bisogno di deroghe ma di interventi tempestivi e formazione permanente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • Cede il fondo stradale: chiuso cavalcavia della superstrada

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

Torna su
PisaToday è in caricamento