Disdetta degli accordi integrativi di Toscana Aeroporti, Cgil: "Atto grave, discuteremo ma azienda sia disponibile"

Il sindacato: "L'azienda è sana e in crescita, danni ingiustificati ai lavoratori. Manca un quadro di regole certo che abbiamo più volte richiesto ai tavoli di trattativa"

Il 26 giugno Toscana Aeroporti ha inviato la disdetta di tutti gli accordi integrativi di secondo livello in vigore negli aeroporti di Pisa e Firenze alle organizzazioni sindacali, causando così la protesta dei sindacati.

"La Filt Cgil - si legge nella nota del sindacato - giudica questo un atto gravissimo perpetrato ai danni dei lavoratori da parte di un'azienda sana ed in crescita che chiude i suoi bilanci con milioni di utili, aumenta i passeggeri anno dopo anno , ha appena compiuto una societarizzazione importante e si appresta a vendere tutto il segmento handling". Si tratta attualmente di 571 lavoratori. "Tutto questo mentre solo pochi giorni fa la proprietà acquistava per circa 100 milioni di euro terreni a Firenze per la messa in sicurezza della pista di Peretola ed il 6% delle azioni dell'Ente cassa di risparmio".

La disdetta degli accordi quindi sembra un "atto inspiegabile e gravissimo soprattutto perché avviene in mancanza di un quadro di regole certo che abbiamo più e più volte richiesto ai tavoli di trattativa con l'azienda: quadro che dovrebbe stabilire regole per ogni azienda che si appresta ad operare nei due scali e garanzie per i lavoratori del gestore per i lavoratori dell'handling. In questa totale incertezza, in considerazione del fatto che Toscana Aeroporti ha più volte dichiarato di voler vendere in tutto o in parte prevalente le attività di handling ad una società non ancora individuata, giunge la disdetta di tutti gli accordi integrativi. Abbiamo cercato di avviare un percorso unitario con le altre organizzazioni sindacali che però hanno preso una via differente dalla nostra".

Spiega la Cgil: "Noi abbiamo aperto le procedure di raffreddamento e Conciliazione nei confronti di Toscana Aeroporti rigettando in maniera forte e convinta la disdetta degli accordi. Siamo disponibili a discutere con le due aziende delle condizioni occupazionali e salariali dei lavoratori a tempo indeterminato e determinato attualmente in servizio nei due scali, ma chiediamo una seria disponibilità da parte dell'azienda che non sia solo la volontà di risparmiare sugli integrativi aziendali finora manifestata". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindacato quindi ribadisce le richieste di questi mesi: "Definire regole certe per chi opera negli scali di Firenze e di Pisa; stabilire procedure di stabilizzazione certe per i lavoratori a tempo determinato così come prevedevano gli accordi disdettati; ricostruire il salario integrativo dei lavoratori che da decine di anni lavorano in entrambi gli scali e che con la disdetta degli accordi viene completamente azzerato. Ribadiamo la nostra richiesta alla società di gestione di garantire una propria percentuale di partecipazione alla società di handling in considerazione del fatto che è ancora la vendita non è perfezionata. Gli impegni assunti dalla società anche pubblicamente sono stati disattesi con questo grave ed ingiustificato atto che la Cgil contrasterà con forza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus: 252 nuovi casi positivi in Toscana

Torna su
PisaToday è in caricamento