La Rocca di Ripafratta (e il suo stato di abbandono) in un documentario

S'intitola 'La Rocca nel bosco - il tesoro perduto di Ripafratta' ed è stato realizzato dal regista Fabio Gigli, in collaborazione con l'associazione Salviamo la Rocca che si sta battendo per una sua riqualificazione

Domenica 23 marzo, alle 17, Villa Roncioni a San Giuliano Terme apre le sue porte per la proiezione in anteprima del documentario 'La Rocca nel bosco - il tesoro perduto di Ripafratta', realizzato dal giovane regista Fabio Gigli con la collaborazione dell'associazione 'Salviamo la Rocca di Ripafratta', che da tempo si batte per una riqualificazione del complesso monumentale.

"In questi ultimi mesi, abbiamo aiutato Fabio Gigli a realizzare un documentario sulla nostra Rocca - dicono dall'associazione - lui si è proposto e noi abbiamo colto l'occasione al volo. Il film documenta non solo e non tanto l'aspetto storico della Rocca, quanto le difficoltà del suo stato attuale, il suo rapporto con il paese e i suoi abitanti, e anche una certa poesia malinconica". 

"Per anni, quando facevo il pendolare per l'Università, mi affacciavo ogni mattina dal finestrino del treno e vedevo le mura della Rocca tra la vegetazione - dice il regista, Fabio Gigli - ogni volta ne rimanevo affascinato senza conoscerne la storia. Solo un anno fa l'ho visitata e me ne sono innamorato definitivamente. Appena ho scoperto l'esistenza di un'associazione che si batte per la salvaguardia di questa importante fortezza, mi è venuta l'idea per un breve filmato da mettere online. Poi il progetto è cresciuto fino a diventare un piccolo documentario sullo scorrere del tempo, in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato".

Salviamo la Rocca, nata da due anni, ha intrapreso una serie di iniziative per sensibilizzare l'opinione pubblica, le istituzioni e i privati a proposito del recupero della fortezza medievale.
"Le condizioni in cui versa sono uno spreco di risorse - dicono dall'associazione - se fosse in sicurezza, e visitabile, attirerebbe ancora più turisti di quanto già faccia ora, in condizioni certo non ottimali. E avrebbe ricadute sull'economia del territorio".

Da tempo sono in corso contatti con il Comune di San Giuliano e con alcuni soggetti privati. "Finora non ci sono riscontri concreti. Questo nonostante le dichiarazioni pubbliche della Fondazione Pisa, che ha ribadito il suo interesse ad un intervento per il recupero - sottolineano ancora dall'associazione - le condizioni perché un intervento di questo tipo possa partire, però, non ci sono ancora. Problemi di burocrazia e di proprietà private. Ma noi siamo determinati. Non lasceremo niente di intentato e non faremo sconti a nessuno. E alla fine ce la faremo".

Anche di questo si parlerà domenica a Villa Roncioni. Nell'occasione, sarà possibile visitare anche la mostra permanente della Fondazione Cerratelli, che ha sede nella villa, e la mostra sulla Rocca di Ripafratta curata dal gruppo fotografico locale. Dopo la proiezione, sarà inoltre offerto un piccolo aperitivo ai presenti.

Per ogni informazione è possibile scrivere a info@salviamolarocca.it e visitare www.salviamolarocca.it oppure www.facebook.com/salviamolarocca

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Vicopisano: perde il controllo dell'auto e finisce contro una farmacia

  • Cronaca

    Pontedera: in centinaia in piazza contro CasaPound

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale a San Miniato: scontro tra due auto e uno scooter

  • Cronaca

    Disperso in Arno: dopo tre giorni le ricerche non hanno dato alcun esito

I più letti della settimana

  • Ragazzo disperso in Arno: ricerche per tutta la notte

  • Lavoro e proteste: lungo sciopero dei benzinai

  • Maltempo, neve e ghiaccio in Toscana: è allerta meteo

  • Centro storico, maxi-retata antidroga: chiuso anche il punto Snai di Viale Gramsci

  • Meteo, perturbazione in arrivo: allerta gialla per neve

  • Meteo: prima arriva il freddo, poi la neve

Torna su
PisaToday è in caricamento