Sequestrata e stuprata in via Puglia, il Comune: "Casa popolare già occupata in passato, via al ripristino della legalità"

L'amministrazione si scaglia contro le occupazioni: "Subito un coordinamento con Prefettura e Forze dell'Ordine per agire tempestivamente"

A giugno, l'abitazione nella quale una 29enne moldava è stata segregata e violentata, era occupata abusivamente da altre persone diverse da quelle indagate dalla Polizia. E' quanto emerge da un comunicato del Comune di Pisa, che annuncia nuovi provvedimenti dell'amministrazione non solo sullo stabile di via Puglia a Cisanello, teatro della terribile vicenda, ma su tutti gli edifici erp occupati

"L'alloggio di edilizia residenziale pubblica - scrive Palazzo Gambacorti - era stato regolarmente assegnato il 31 maggio, ma già il 19 giugno era stata accertata una prima occupazione abusiva conclusasi con lo sgombero e la muratura dell'ingresso. Nei giorni successivi la polizia Municipale del Comune di Pisa era dovuta nuovamente intervenire nell'alloggio e aveva denunciato la presenza di una persona occupante abusiva, diversa dalle persone che usavano illegalmente l'alloggio al momento dei fatti di cronaca di questi giorni".

L'assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno ha così chiesto "un coordinamento con Prefettura e Forze dell'Ordine per il monitoraggio e la definizione di interventi immediati di sgombero delle case popolari occupate". "Il recente gravissimo fatto di cronaca - continua - conferma una volta di più l'urgenza di realizzare un reale contrasto dei fenomeni di illegalità come previsto in uno dei punti del programma di mandato che il sindaco Conti ha presentato nell'ultimo consiglio comunale. La nostra priorità è ristabilire la sicurezza, individuando e contrastando luoghi in cui si possono nascondere sacche di delinquenza e di impunità".

"Con il nostro insediamento - conclude l'assessore alle politiche abitative Gianna Gambaccini - abbiamo iniziato, insieme ad Apes, una mappatura delle case occupate abusivamente con l'obiettivo di rientrare nella piena disponibilità degli alloggi per riassegnarli agli aventi diritto, applicando il nuovo regolamento sull’emergenza abitativa per quei casi che hanno i requisiti di legge".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento