Ospedale Cisanello: nasce prematuro per salvare la mamma, lieto fine

Una corsa contro il tempo e un grande lavoro d'èquipe hanno fruttato la nascita di un bambino e la salvezza della mamma, giunta all'ottavo mese di gravidanza. Tutto è finito per il meglio

Il 30 giugno scorso all’ospedale di Cisanello, le sale operatorie del Dipartimento Cardiotoracico si sono trasformate in sala parto per consentire un doppio intervento: la nascita di un bambino e l'operazione al cuore della madre 41enne, all’ottavo mese di gravidanza. La donna era arrivata in condizioni gravi, a causa di un problema cardiaco.

La donna era giunta in ospedale lamentando un'improvvisa difficoltà respiratoria. I medici avevavo sospettato un'embolia polmonare e così era stata ricoverata nel reparto di Pneumologia. Nelle ore successive, a causa del peggioramento respiratorio, era stata trasferita nella terapia intensiva  cardiotoracica, diretta dal dott. Fabio Guarracino. Il medico aveva subito richiesto l’intervento urgente dei ginecologi per far nascere il bambino.

Così è iniziato un eccezionale lavoro multidisciplinare: l’equipe chirurgica, composta dai dottori Giuliano Giusti e Vito Cela per la componente ginecologica, e i dottori Guarracino e Claudia Cariello per la componente anestesiologica. I medici hanno proceduto con il cesareo nelle sale operatorie della terapia intensiva. Nello stesso tempo un’ecocardiografia aveva evidenziato una trombosi della valvola mitralica, di cui la signora era portatrice da 4 anni.

Questa diagnosi ha reso necessario un intervento cardiochirurgico d’urgenza. Quindi, una volta nato il bambino, fortunatamente in buone condizioni di salute, per prevenire una grave emorragia post parto, la paziente è stata trasportata al Dipartimento Immagini e sottoposta ad embolizzazione delle arterie uterine dal dott. Roberto Cioni, direttore della Sezione di Radiologia interventistica.

Una volta trasferita nella sala operatoria della cardiochirurgia, un equipe di cardiochirurghi ha sostituito la protesi valvolare mitralica. Nei giorni successivi il decorso postoperatorio nella terapia intensiva cardiochirurgica è stato privo di complicanze. A 5 giorni dall'operazione la paziente è stata trasferita nella clinica di Ostetricia dell’ospedale S. Chiara, dove ha potuto abbracciare suo figlio.

Nonostante la condizioni di salute della donna, c'è stato un lieto fine, grazie anche alle professionalità mediche e alla capacità di fare squadra quando occorre l’apporto multidisciplinare.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Bravissimi!

  • Avatar anonimo di francesca
    francesca

    Ho avuto il privilegio di veder lavorare per 2 mesi il Cardiotoracico: veramente,veramente professionali tutti: medici,infermieri strumentisti,infermieri commessi di sala,perfusionisti,personale ausiliario! Ci voleva proprio stamani una bella notizia! Bravi tutti,viva la sanità che funziona davvero e la vita che non demorde e va avanti nonostante tutto,quando gli altri sanno aiutarla.

  • complimenti a tutta l'equipe

  • Che bella notizia!! :)

  • Avatar anonimo di kinzika
    kinzika

    che bello leggere queste notizie!

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Quando la natura decide, dimostra sempre di essere più forte di ogni altra cosa!**

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Festa per il Capodanno: Pisa entra nel 2018

  • Cronaca

    'Settimana Oncologica', l'appello: "Abbiamo bisogno di volontari e risorse"

  • Cronaca

    Fornacette: inaugurato il nuovo centro cittadino

  • Cronaca

    Ora legale: lancette in avanti domenica 26 marzo

I più letti della settimana

  • Via Carducci, chiude storica erboristeria: "Il centro sta morendo"

  • Apre una nuova sala da tè per conoscere da vicino l'antica bevanda

  • Scontro tra due auto a Santa Croce sull'Arno: due feriti

  • Auto giù dal ponte a Ripafratta: recuperato il corpo del disperso

  • Gelato Word Tour: tre gelatieri pisani in finale con i loro gusti migliori

  • Festa per il Capodanno: Pisa entra nel 2018

Torna su
PisaToday è in caricamento