Vecchiano, spari in pineta: due i feriti, uno rischia la paralisi

I due marocchini sono legati con molta probabilità allo spaccio di droga nella pineta di Torre del Lago. Le cause della furiosa lite sarebbero da ricercare in un regolamento di conti, sarebbero una decina le persone coinvolte nell'episodio

C'é probabilmente un regolamento di conti legato allo spaccio di droga all'interno della pineta di Torre del Lago (Lucca) all'origine della sparatoria avvenuta la notte scorsa in località la Bufalina, nel comune di Vecchiano (Pisa), al confine con la frazione versiliese.

Sull'episodio indaga la squadra mobile di Pisa. Stando a quanto si è appreso, la lite tra i due marocchini coinvolti é probabilmente scoppiata per questioni di 'territorio' legate allo spaccio. Entrambi gli uomini feriti, uno dei quali ricoverato in gravi condizioni ma non in pericolo di vita all'ospedale Versilia di Viareggio anche se rischia di restare paralizzato, sarebbero legati a bande di spacciatori che agiscono sul territorio di Torre del Lago. L'altro ferito ha riportato solo lesioni da corpo contundente e avrebbe già raccontato la sua versione dei fatti alla polizia. Ritrovata anche l'arma che ha sparato: una pistola a tamburo.

Gli agenti della mobile stanno ora cercando di ricostruire il quadro all'interno del quale è maturata la sparatoria e se alla lite hanno partecipato anche altre persone. Da Viareggio si apprende intanto che sarebbero coinvolti nell'episodio di violenza circa 10 persone che nell'immediatezza del fatto sono state cercate in pineta e nelle zone limitrofe da parte della polizia e dei carabinieri, ma senza esito. (fonte Ansa)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento