Borgo Stretto: l'edicola confiscata alla mafia avrà una nuova vita

Prende forma nella città della Torre il progetto che rientra nella possibilità di riutilizzare a fini sociali beni confiscati alla mafia. Riaprirà la rivendita di giornali creando posti di lavoro per persone svantaggiate

Parte in questi giorni il primo progetto su Pisa di riutilizzo a fini sociali di un bene confiscato alle mafie. Artefici principali dell’iniziativa il Coordinamento provinciale di Libera Pisa e la Cooperativa Sociale Axis, che in pochi mesi sono riusciti a costruire attorno ad un’ idea iniziale una solida rete di collaborazioni.
Il progetto si avvarrà infatti del sostegno di partner (coop. soc. Il Simbolo) e soggetti sostenitori del terzo settore (associazione Ora Legale, Acli Provinciali di Pisa, ARCI Comitato di Pisa, Legambiente Pisa, TeMP società cooperativa, Cooperativa sociale Alzaia) e ha goduto fin dal suo concepimento del supporto di un’ampia rete di soggetti istituzionali coinvolti (Provincia di Pisa, Comune di Pisa, Master 'Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione' dell’Università di Pisa, Società della Salute Zona Pisana) e di alcuni professionisti che hanno prestato gratuitamente i loro servizi. Tutti i soggetti hanno riconosciuto da subito l’importante valore sociale e culturale del progetto.

L’idea del progetto nasce da un’autentica interpretazione dello spirito della legge 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie, che prevede l'assegnazione dei patrimoni e delle ricchezze di provenienza illecita a quei soggetti - Associazioni, Cooperative, Comuni, Province e Regioni - in grado di restituirli alla cittadinanza tramite servizi, attività di promozione sociale e lavoro.

Il bene oggetto di confisca è un’edicola posta nel cuore del centro storico e commerciale della città, all’inizio di Borgo Stretto.
Nel mese di luglio 2013, come si ricorderà, il Tribunale di Reggio Calabria dispose il sequestro dell'edicola a complemento delle indagini della Direzione Investigativa Antimafia di Messina, riguardanti un sodalizio mafioso attivo in Sicilia negli anni '90.
Nel giro di pochi mesi (settembre 2013 e aprile 2014) sono poi arrivate le confische di I e II grado, che hanno aperto possibilità più concrete per una manifestazione di interesse e la successiva presentazione al Tribunale di Reggio Calabria di un progetto di riutilizzo sociale dell’azienda da parte di Libera Pisa e della Cooperativa sociale Axis.
Il parere favorevole del Tribunale ha permesso il 14 maggio la stipula del contratto di affitto e l'avvio a tutti gli effetti del progetto che prevede il ripristino della tradizionale attività di rivendita di giornali, riviste e periodici con la creazione di nuovi posti di lavoro ed un’attenzione particolare all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate (legge 381/91).
A questa attività se ne affiancheranno altre a servizio della cittadinanza, che saranno definite nel tempo anche in collaborazione con i partner e i soggetti
sostenitori del progetto. L'edicola prenderà il nome 'I Saperi della Legalità' e sarà punto di riferimento importante e aperto a tutta la città per diffondere i principi della legalità democratica, della solidarietà e dell’antimafia sociale.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento