Freddo e senza fissa dimora: la Società della Salute potenzia l'assistenza

Dal 30 novembre è operativo il piano d'emergenza per incrementare l'aiuto delle persone in difficoltà. Aumentati i posti letto all'asilo notturno in via Conte Fazio

Con il clima invernale è stato attivato il piano 'Emergenza freddo' per le persone senza fissa dimora. Il programma, partito il 30 novembre scorso, prevede un potenziamento dei servizi della Società della Salute della Zona Pisana rivolti agli homeless, che sarà cruciale nei prossimi giorni, quando è previsto un nuovo drastico calo delle temperature.

L’asilo notturno del Centro Homeless di via Conte Fazio 40, che fa capo al Progetto Homeless, nato 8 anni fa e gestito per la Società della Salute della Zona Pisana dalle Cooperative 'Il simbolo' e 'Arnera', ha aumentato di 6 unità i posti letto ordinari, che da 24 passano a 30, a cui se ne aggiungono 4 garantiti per l’emergenza sanitaria.

L’unità di strada che lavora a fianco dell’asilo notturno ha potenziato l’attività di distribuzione di pasti caldi e sacchi a pelo termici, mettendo in campo 6 operatori che coprono la fascia di intervento notturna dalle 20.30 alle 23.30, raggiungendo anche zone periferiche. L’attività è effettuata tutti i giorni lavorativi eccetto il mercoledì, in cui il servizio è svolto dai volontari dell’associazione 'Amici della Strada'. Un’ulteriore uscita viene effettuata il mercoledì e il venerdì nella fascia pomeridiana dalle 14 alle 17. E’ inoltre garantita la distribuzione di circa 70 pasti caldi al giorno: per metà sono distribuiti in strada, gli altri destinati ai senza fissa dimora ospitati per la notte nella struttura del Progetto Homeless.

La struttura di Progetto Homeless è aperta tutti i giorni come asilo notturno dalle 19.30 alle 7.45; il lunedì e giovedì dalle 14 alle 18.30 come punto PAAS (accesso gratuito a computer e Internet) e nei giorni di lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 7.45 alle 11, orari in cui sono attivi i servizi di colazione, doccia e lavanderia, ed è attivo lo sportello di ascolto e aiuto. In questi ultimi giorni il centro è quasi al completo con 33 posti letto occupati: 21 sono gli utenti stranieri (5 donne e 16 uomini) e 12 gli italiani (11 uomini e una donna).

La struttura di Porta a Mare è da anni un punto di riferimento per i senza dimora. Sono state circa 950 le persone entrate in contatto con essa nel 2016, un numero in linea con il trend di leggera crescita già registrato negli anni precedenti. Circa 650 i buoni notte rilasciati e oltre 2.400 i colloqui effettuati dallo sportello d’ascolto. Anche l’età media degli utenti italiani, in linea con i dati del 2015, è di poco più di 40 anni, mentre gli stranieri sono mediamente più giovani (36 anni per gli uomini e 39 per le donne).

Il numero dei senza dimora in città nell’ultimo anno è stimato in circa 260 unità, in linea con quello del 2015, un dato ricavato dalle presenze nei punti sensibili: le mense, l’emporio, i centri di ascolto Caritas, il centro diurno e notturno di Progetto Homeless e le persone incontrate dalle unità di strada del Progetto Strada Facendo.

Chi volesse segnalare la presenza di persone che potrebbero avere bisogno di aiuto può chiamare il numero 388 9921160.

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

Torna su
PisaToday è in caricamento