Falsi poveri scoperti a Pisa: dichiaravano bassi redditi per richiedere borse di studio

Dieci persone nei guai dopo i controlli della Guardia di Finanza

Dieci persone sono finite sotto la lente di ingrandimento della Guardia di Finanza di Pisa. Falsi poveri che, con autocertificazioni attestanti redditi al di sotto della soglia di sussistenza, richiedevano borse di studio, rimborsi per la mensa e contributi per l’acquisto di testi scolastici.

I controlli sono stati effettuati attraverso puntuali riscontri sul tenore di vita, ottenuti anche incrociando le banche dati in uso alle Fiamme Gialle con quelle di altri enti.
Tra le persone scoperte, che ora dovranno restituire il maltolto e pagare una sanzione amministrativa, anche un imprenditore che dichiarava redditi per oltre 70mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli si inseriscono in una serie di iniziative messe in campo dalla Guardia di Finanza proprio per tutelare le fasce più deboli della popolazione, garantendo il rispetto delle regole di accesso alle forme di sovvenzione, evitando, di conseguenza, il dispendio di risorse pubbliche destinate ai cittadini realmente bisognosi di aiuto economico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento