Scolmatore: in arrivo 14 milioni dalla Regione per il nuovo lotto di lavori

L'intervento riguarda l'adeguamento idraulico del canale, per ampliare la foce e ridurre l'erosione. Due milioni anche per opere sul torrente Morra a Fauglia

Sono in arrivo interventi per oltre 37 milioni di euro in Toscana, circa 16 a Pisa, per la mitigazione del rischio idraulico. Prende infatti il via il terzo atto integrativo dell'Accordo di programma del 3 novembre 2010, sottoscritto dalla Regione con il Ministero dell'ambiente a dicembre dello scorso anno, che indica il presidente Enrico Rossi quale commissario di Governo responsabile dell'attuazione degli interventi.

L'atto individua interventi per un totale di 37 milioni e 225mila euro, di cui 27 milioni e 548mila euro di risorse sono messe a disposizione dalla Regione Toscana. "Proseguiamo a impiegare materialmente risorse al ritmo di 100 milioni l'anno - ha detto l'assessore all'ambiente Federica Fratoni - in opere per la difesa del suolo e la tutela dell'equilibrio idrogeologico del nostro territorio. Lo facciamo dal 2011, e fino ad oggi a questo scopo abbiamo investito qualcosa come 700 milioni di euro. Il pacchetto di interventi che parte oggi riguarda opere per il 2018".

Per Pisa il grosso riguarda l'adeguamento idraulico del canale Scolmatore, con le arginature del secondo lotto di lavori, per un intervento pari a 14 milioni di euro. Si aggiungono adeguamenti idraulici e nuove opere sul torrente Morra nei comuni di Collesalvetti e Fauglia, per opere pari a circa 2 milioni di euro.

I consiglieri regionali Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni sottolineano "la soddisfazione per la destinazione di queste risorse per la realizzazione di opere nel territorio pisano. Proprio in questi giorni si sono conclusi i lavori del primo lotto 'foce armata dello Scolmatore', finanziato con un contributo di 15 milioni di euro, che hanno l'obiettivo di aumentare la portata alla foce del canale e limitare il fenomeno dell'erosione costiera, oggi possiamo confermare il finanziamento della seconda tranche dell'intervento e sottolineare con piacere, dunque, come si stia procedendo nel rispetto dei tempi e dei piani. Con questi contributi, che in buon parte provengono dal bilancio regionale, la Toscana conferma l'attenzione alla tutela e alla protezione del territorio che è fondamentale per ridurre significativamente il rischio di danni".


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Piena dell'Arno, fase di picco attesa per la tarda serata: "Ci siamo mossi in anticipo, siamo pronti"

Torna su
PisaToday è in caricamento