Centro di accoglienza di via Garibaldi, Ucic-Prc: "Non ci sono i soldi per i lavori"

A più di 2 anni dalla chiusura la ristrutturazione non è ancora iniziata. Ucic-Prc: "Dal Comune solo bugie, i bisogni dei più deboli sempre all'ultimo posto". Capuzzi: "Ci sono dei problemi, ma è una struttura fondamentale e troveremo le risorse"

Il centro di via Garibaldi

"Nonostante i ripetuti annunci da parte dell’assessore Capuzzi, il Centro non solo resta chiuso e va progressivamente deteriorandosi, ma non ci sono neppure le risorse necessarie per finanziare la ristrutturazione". Ucic-Prc torna all'attacco sulla vicenda del centro di accoglienza per immigrati di via Garibaldi. Era stato chiuso nel settembre 2013 per essere ristrutturato ma, dopo più di due anni, i lavori non sono ancora iniziati.

"Dalla nostra ennesima interpellanza - scrive in una nota Ucic-Prc - è emerso che non ci sono le coperture per l'intervento. Dei 530mila euro necessari ne mancano più di 300mila, nonostante le garanzie che l'assessora Capuzzi più e più volte aveva ribadito a mezzo stampa. Ad oggi l’Amministrazione vaga nel buio più totale, senza alcuna programmazione economica per realizzare i lavori, né esiste ancora un progetto definitivo per la ristrutturazione. Ma, fatto ancor più grave, è che nel bilancio preventivo 2016, che la maggioranza si appresta ad approvare in fretta e furia senza alcuna discussione, non sono stanziate queste risorse e nel piano delle opere pubbliche l’intervento non è neppure inserito".

Un vero e proprio scandalo secondo Ucic-Prc. "A fronte di un'emergenza sociale sempre più evidente - prosegue la nota del gruppo consiliare - la Giunta, in questi anni, non ha messo a disposizione neppure un metro quadrato per l’accoglienza dei profughi ed anzi ha chiuso, lasciandolo marcire, l'unico spazio comunale deputato ad hoc per questi scopi. Denunciamo ancora una volta con forza come questa Amministrazione metta all'ultimo posto della sua agenda i bisogni sociali dei più deboli e lasci deperire colpevolmente il suo patrimonio edilizio. In occasione del bilancio faremo una battaglia perché vengano subito stanziate le risorse e si parta immediatamente con i lavori".

La Capuzzi ammette i ritardi e le difficoltà ma assicura che verranno trovati i finanziamenti per la ristrutturazione. "Il bando per i lavori avrebbe dovuto essere già stato pubblicato da tempo - spiega l'assessore al Sociale e presidente della Società della Salute di Pisa - ma ci sono stati dei problemi che si stanno trascinando ancora adesso. Purtroppo come Società della Salute non abbiamo una struttura tecnica e dobbiamo appoggiarci ad altri: in questo caso al Comune per il quale risultano, al momento, prioritari altri bandi. Non posso dare tempi certi su quando partiranno i lavori, di sicuro la struttura di via Garibaldi rimane comunque fondamentale, ancora di più in momento come è quello attuale".

L'assessore definisce "una svista" il fatto che le risorse necessarie per i lavori non siano state inserite nel Bilancio di previsione 2016 e spiega che "in realtà mancano meno di 200mila euro per la copertura totale dell'intervento". "Le cifre di cui parlano Ucic-Prc - prosegue la Capuzzi - si riferiscono al progetto di ristrutturazione del 2005. Il Sindaco era lo stesso ma era diverso l'assessore e soprattuttto il contesto nel quale si muoveva l'amministrazione. Quel progetto verrà ora rimodulato in base a quelle che sono le esigenze attuali e le risorse disponibili. Tra l'altro - conclude la Capuzzi - stiamo anche studiando una formula innovativa che mescola l'accoglienza di immigrati a quella di persone che si trovano in situazione di emergenza abitativa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il carrello pieno alle casse automatiche pagano un solo articolo: arrestati

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 12 e 13 ottobre

  • Supermercati: nuovo punto vendita Conad a Santa Croce sull'Arno

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • La pizza di Luca D'Auria riconosciuta dal Gambero Rosso

Torna su
PisaToday è in caricamento