Firmato il Patto per la difesa di Pisa: insieme contro la malamovida

Comune, Confcommercio, Confesercenti e Paim hanno siglato l'intesa per combattere gli effetti negativi della vita notturna pisana. Ecco i punti previsti

Firmato a Palazzo Gambacorti il protocollo d’intesa denominato 'Patto per la difesa di Pisa' finalizzato a contrastare la malamovida, con i fenomeni di degrado, illegalità e l’insicurezza che ne conseguono. Il protocollo scaturisce dalla volontà del Comune di farsi promotore di un’iniziativa che dia vita ad un soggetto interistituzionale con funzioni di monitoraggio e prevenzione della malamovida, ma anche di repressione degli illeciti collegati, servendosi delle collaborazioni delle realtà associative interessate a partecipare, sotto il coordinamento della Polizia Municipale.

Il patto, siglato da amministrazione, Confcommercio, Confesercenti e cooperativa Paim, stabilisce che il Comune si impegni a far riconoscere alla Prefettura il protocollo stesso, chiedendo la predisposizione di un tavolo di coordinamento mensile con tutti i soggetti coinvolti, oltre a promuovere, in collaborazione con Prefettura, Questura, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza, un’intensificazione delle azioni per la prevenzione della malamovida e la repressione dei fenomeni di criminalità e degrado urbano. Il Comune si impegna inoltre a garantire ulteriori investimenti per l’installazione di telecamere di videosorveglianza, a mantenere alto l’organico della Polizia Municipale, ad avviare una procedura di selezione pubblica per l’individuazione di un soggetto del terzo settore che possa garantire la presenza di personale con funzioni regolamentate e compiti di segnalazione, oltre ad impiegare personale degli istituti di vigilanza (una questione al centro delle polemiche nei giorni scorsi), da affiancare alla Polizia Municipale, previa selezione pubblica.

Infine l’amministrazione si impegna a stabilire un coordinamento con le associazioni di categoria dei commercianti per monitorare ed efficientare i servizi di controllo, ma anche a sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza del contrasto alla consumazione di alcol e sostanze stupefacenti, anche organizzando eventi culturali tesi a favorire il decoro urbano e la convivenza e condivisione civile degli spazi collettivi.

patto per la difesa di pisa-2

“La novità di questo protocollo, che verrà adesso sottoposto alla prefetto di Pisa per essere ufficialmente condiviso e per stabilire la convocazione mensile di tavoli di coordinamento che riuniscano tutti i soggetti coinvolti, consiste - spiega il sindaco di Pisa Michele Conti -  nell’attivazione di una task force che coinvolge tutte le forze dell’ordine, ma si allarga anche oltre, per comprendere associazioni di categoria, commercianti, associazioni di volontariato, terzo settore, istituti privati di vigilanza, nell’intento comune di aumentare la pressione, estendere l’attività di monitoraggio e prevenzione dei fenomeni di malamovida e, dove c’è bisogno, applicare la repressione della criminalità e dell’illecito. Il valore aggiunto della nostra azione, che vuol segnare un deciso cambio di passo in questo senso, nasce dalla consapevolezza che solo attraverso un coinvolgimento istituzionale multilivello e una collaborazione che si estende trasversalmente, coinvolgendo l’intera comunità cittadina, si possa davvero arrivare a porre un freno comune agli eccessi della malamovida e ai fenomeni di degrado e criminalità collegati”.

“Abbiamo sottoscritto il protocollo . commenta Federico Pieragnoli, direttore Confcommercio Provincia di Pisa - nella convinzione che si debba fare il massimo sul tema della sicurezza e del contrasto inflessibile ai fenomeni dello spaccio di droga, dell'abusivismo degli alcolici e dell'illegalità diffusa. Il Comune si é assunto una serie di impegni che riteniamo significativi. Come associazione ci impegniamo a promuovere e sostenere azioni di sensibilizzazione, campagne di comunicazione finalizzate al contrasto dell'illegalità e alla collaborazione sugli eventi nei luoghi più esposti alla malamovida”.

“Abbiamo accolto con favore - dichiara Simone Romoli, responsabile area pisana Confesercenti Toscana Nord - la richiesta dell’amministrazione comunale di aderire a questo protocollo per contrastare i fenomeni di degrado e illegalità legati ad una gestione distorta del centro storico. Un problema che la nostra associazione ha sempre portato sotto i riflettori anche alle precedenti amministrazioni, arrivando anche a proporre servizi di vigilanza privata vista l’impossibilità di presenze costanti delle forze dell’ordine. Siamo altrettanti convinti che gli imprenditori possano portare un contributo fondamentale affinchè la movida non diventi malamovida. Da questo punto di vista sottolineiamo come le attività commerciali svolgano con professionalità il proprio lavoro, in molti casi diventando un presidio del centro storico. Loro sono le prime vittime di fenomeni di illegalità, leggi abusivismo commerciale, e di degrado. Siamo quindi pronti a svolgere il nostro ruolo di supporto ad un progetto che si allarga anche al terzo settore coinvolgendo una realtà importante come la Paim”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 ottobre

Torna su
PisaToday è in caricamento