Coldiretti: Francesco Ciarrocchi nuovo direttore interprovinciale Pisa Livorno

Sostituisce Aniello Ascolese. "Migliorare comunicazione verso i soci e politiche sindacali incisive sul territorio"

Il marchigiano Francesco Ciarrocchi è il nuovo direttore interprovinciale Pisa Livorno di Coldiretti. Una lunga esperienza, anche in Toscana, nella federazione di Lucca e Massa Carrara e successivamente a Grosseto, Olbia Tempo e Sassari, Ciarrocchi è dirigente di esperienza (è in Coldiretti dal ’94) e grandi competenze (una laurea in agraria). Ciarrocchi sostituisce Aniello Ascolese chiamato a guidare la federazione regionale Campobasso.

Nato a Massignano, un piccolo paese di Ascoli Piceno, Ciarrocchi è un profondo conoscitore del sistema Coldiretti. Chiari gli obiettivi a partire dalla vicinanza, anche fisica, ai soci come ha sottolineato in occasione della presentazione al consiglio direttivo: “Stare vicino ai soci significa saper ascoltare - ha spiegato Ciarrocchi - capire le esigenze e camminare al loro fianco. E questo lo sappiamo fare molto bene. In questi anni Coldiretti è riuscita a vincere molte battaglie grazie ad una politica sindacale incisiva nei confronti del governi che si sono succeduti. Penso alle battaglie per la trasparenza e la tracciabilità, alla semplificazione in ambito vitivinicolo fino al recente stop dell’Imu per i terreni agricoli dei pensionati. Ma penso anche ai risultati conseguito in termini di risparmio per le imprese agricole e zootecniche che valgono oltre 1 miliardi di euro tra esenzione Imu e Irap, aumento della percentuale di compensazione Iva su latte e carne e credito di imposta dal 10% al 20% per acquisto di nuovi beni strumentali nel triennio 2016/2019”.

Ad accoglierlo in Camera di Commercio c’erano Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa, e Walter Tamburini, presidente dell’ente camerale: “E’ il profilo giusto per il nostro territorio. Esperienza e competenza. Oggi - ha detto Filippi - continuiamo a vedere i frutti del lavoro della nostra attività sindacale che è il valore aggiunto della nostra agricoltura. Distintività, tracciabilità, etichettatura sono termini introdotti dalla nostra organizzazione nel vocabolario comune. Dobbiamo difendere le nostre produzioni da italian sounding e pirateria agroalimentare”. Secondo Tamburini “la sinergia tra Pisa e Livorno è strategica per la promozione e la valorizzazione nostri prodotti agricoli. Sono sicuro che continueremo a lavorare bene insieme”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli ambiti dove sarà posta grande attenzione quello della comunicazione: “L’agricoltura non conosce campanilismi. L’identità del nostro Made in Tuscany è unica. E’ mia intenzione migliorare la comunicazione nei confronti dei soci e dei consumatori - ha spiegato - utilizzando e sfruttando tutti i canali, dai media ai social passando per newsletter mirate e settoriali. In questi giorni ho ascoltato, visto e percepito diverse situazioni positive che mi fanno pensare che insieme possiamo fare un buon lavoro nell’interesse delle imprese e dei consumatori che sono i nostri più importanti alleati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento