Capodanno Pisano, niente fuochi d'artificio: "Cerimonia all'insegna della semplicità"

L'assessore alla Manifestazioni storiche, Filippo Bedini: "I soldi dello spettacolo pirotecnico verranno utilizzati per gli indumenti del corteo storico"

Non ci saranno i fuochi d'artificio, nè la regata con le imbarcazioni di San Ranieri. "Quest'anno il Capodanno Pisano sarà una celebrazione sobria, all'insegna della semplicità". E' quanto emerso nel corso della riunione della terza commissione consiliare permanente del comune di Pisa che si è riunita ieri, 27 febbraio, e nella quale l'assessore alla Manifestazioni storiche, Filippo Bedini, ha illustrato le principali iniziative che il comune intende mettere in campo in occasione del 25 marzo.

"Quest'anno il Capodanno pisano cade di lunedì - ha spiegato Bedini - per questo abbiamo deciso di dividere le celebrazioni in due momenti. Nel weekend del 23 e 24 si svolgeranno durante la giornata una serie eventi e di esibizioni in vari punti della città, con gruppi di sbandieratori, balestrieri, cortei di figuranti, danze medievali e rievocazioni storiche sul gioco del mazzascudo. Domenica sera, in piazza XX Settembre o Logge di Banchi, si svolgerà invece una serata di festa con il coinvolgimento di un gruppo musicale che suonerà canzoni incentrate su personaggi storici della città, e letture in vernacolo pisano. La serata temrinerà intorno alle 24 con un brindisi". Lunedì 25 marzo si terrà invece la tradizionale cerimonia in Duomo che segnerà l'inizio del nuovo anno, come sempre "preceduta dal corteo storico".

Non ci saranno invece i fuochi d'artificio. "Un evento ormai inflazionato - ha affermato Bedini - visto che sono ormai tantissime le occasioni in cui vengono sparati. Abbiamo fatto una scelta che so che attirerà molte critiche. I soldi che avremmo dovuto utilizzare per lo spettacolo pirotecnico verranno impiegati per rinnovare gli indumenti dei figuranti del corteo storico: un bene inestimabile che ha bisogno di investimenti".

Il programma provvisorio: Giardino Scotto protagonista

Nel corso della seduta è anche stato illustrato il programma, ancora provvisorio e suscettibile di modifiche, delle iniziative. "Il 23 marzo - hanno spiegato i tecnici comunali - alle 16 ci sarà una visita guidata alla Domus Mazziniana a cura dell'Accademia dei Disuniti. Alle 17 in Comune ci sarà una conferenza dal titolo 'Pisa nel '300'. A Giardino Scotto, dalle 16 alle 20, abbiamo invece intenzione di fare una serie di esibizioni di arcieri, sbandieratori, danze medievali e mazzascudo. Giardino Scotto è una location che si adatta bene al carattere dell'evento e nei prossimi anni potrebbe diventare un posto privilegiato per l'organizzazione del Capodanno Pisano".

Il giorno successivo, il 24 marzo, dalle 16 "si svolgerà una sfilata esibizione degli sbandieratori attraverso il centro storico, partendo da Piazza Vittorio Emanuele. Alle 18.30 i vari gruppi convoglieranno in piazza dei Cavalieri, dove ci sarà l'augurio per l'anno nuovo, a cui seguirà poi la serata di festa. Verranno inoltre organizzati menu tematici nei ristoranti cittadini e anche la cooperativa che gestisce le Mura dovrebbero organizzare alcuni eventi, tra cui, probabilmente, l'apertura gratuita del monumento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Muore a 29 anni farmacista pisana affetta da Sla

Torna su
PisaToday è in caricamento