Ancora furti in piazza Manin, sei bancarelle colpite: si moltiplicano le 'cicatrici'

Colpi a ripetizione nella notte tra domenica e lunedì. Commercianti esasperati in una situazione difficile

I bancarellai mostrano uno dei tagli sulle tende

Costretti a mettere una toppa sopra l'altra. Una situazione insostenibile per i bancarellai di piazza Manin alle prese da giorni con vere e proprie spedizioni di ladri che tagliano i tendoni delle attività, entrano dentro e rubano ciò che trovano. Stanotte, tra domenica 16 e lunedì 17 dicembre, è successo ancora una volta, dopo le denunce di sabato. "Sono entrati in sei bancarelle che vendono souvenir, hanno portato via poco o niente, solo qualche oggetto e gli spiccioli nel fondo cassa - denuncia Michele Puschi, uno degli esercenti storici del Duomo - sinceramente però non ce la facciamo più. Non è possibile arrivare la mattina e trovare le nostre attività colpite. Noi siamo armati di buona volontà, ma siamo stanchi. La nostra situazione è quella che è, siamo sempre in attesa di una sistemazione definitiva, gli affari vanno male e in più dobbiamo fare i conti con questi furti a ripetizione".

Raid continui, come testimoniano le 'cicatrici' sui tendoni bianchi delle bancarelle, rattoppate con nastro adesivo per cucire i tagli inferti dai malviventi che di notte si intrufolano all'interno per fare razzia di ciò che trovano, felpe e borse in pelle magari da rivendere, oppure spiccioli dal fondo cassa quando i piccoli souvenir non sono di gran valore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

  • Meteo, quando arriva la neve in pianura

  • "Elicotteri da guerra nella fabbrica di Ospedaletto": Rebeldia contro Leonardo Spa

  • Donna scomparsa a Volterra: trovata morta in fondo alle Balze

  • Lotterie: vinto un milione di euro a Pisa

  • Scontro tra due auto: muore 70enne

Torna su
PisaToday è in caricamento