Porta a Mare, furti al bar in Corte Sanac: "Colpiti 4 volte in 10 giorni"

A subire le visite indesiderate il 'Bar Quattro Passi'. L'ultima lunedì mattina: "I ladri hanno anche fatto colazione. La preoccupazione è per l'incolumità delle persone"

Evitare di rivivere l'emergenza di un anno fa, quando proprio a fine settembre si parlava della Corte Sanac come "terra di nessuno". Lancia un segnale Simone Biondi per il locale dove lavora la moglie, il 'Bar Quattro Passi', che negli ultimi giorni è stato spesso visitato dai ladri. "Sono entrati 4 volte in 10 giorni, l'ultima lunedì mattina".

Proprio questo caso è stato particolarmente preoccupante: "Sono per forza entrati fra le 6 e le 6.30 di mattina. Lo sappiamo perché i ladri hanno fatto colazione con la fornitura della pasticceria, che consegna proprio intorno alle 6, poco prima di quando mia moglie ed un'altra ragazza vanno ad aprire alle 6.30. Lunedì si sono trovate davanti la confusione del furto".

Come accade spesso sono ben più i danni causati per entrare a pesare sul portafogli degli esercenti, per centinaia di euro, rispetto alla refurtiva: "La prima volta hanno spaccato le vetrate, le altre hanno forzato la serratura dei maniglioni antipanico. Quello che colpisce secondo me è l'apparente tranquillità con cui agiscono, perché non ti metti a fare colazione sul luogo del furto alle 6 di mattina se non pensi che tanto non rischi nulla". 

"Cosa potrebbe succedere - incalza Simone - se uno di questi soggetti, probabilmente disperati o tossici, dovesse trovarsi davanti qualcuno? La preoccupazione è che possa essere minacciata l'incolumità delle persone. Chiedendo in giro ci sono state visite indesiderate anche alla palestra qua vicino e in alcuni uffici, pare che possa essere tornato qualcuno ad occupare l'area della ex Vitarelli, proprio ad un anno di distanza dai servizi di Rete 4". Alla palestra Bodylab i ladri sono entrati a fine agosto, con modalità e conseguenze molto simili.

Simone si è così attivato: "Ho chiesto all'amministrazione di fare maggiori controlli per evitare che poi si creino situazioni più preoccupanti. La sicurezza è in generale percepita come carente, voglio far conoscere la situazione per smuovere le acque e fare in modo che qualcuno ci metta le mani, specie se ci siano da fare nuovi interventi nella zona della fabbrica abbandonata". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento