Ladri scatenati sul viale delle Piagge: "Furti e danneggiamenti, siamo rassegnati"

Il presidente dell'associazione Pisa Road Runners parla di un'escalation di episodi ai danni delle auto dei podisti che vanno in zona a fare sport

Il presidente dell'associazione sportiva Pisa Road Runners Andrea Maggini lancia l'allarme per la sicurezza in zona Piagge. Furti e danneggiamenti sono all'ordine del giorno per chi va a fare sport serale sul viale, tanto che i membri del gruppo hanno dovuto organizzare un autonomo sistema di controllo.

Racconta infatti Maggini che si è verificata una "escalation di furti presso le vetture ma, soprattutto, atti vandalici con danni materiali ingenti alle auto". L'associazione ha organizzato corsi di running che si svolgono i martedì sera dalle 18.15 alle 20, con la partecipazione media di circa 110 persone. Se già "nei precedenti anni vi sono sempre stati degli episodi sporadici, per qualche sera, mediamente una volta al mese", ora si contano le volte che non succede nulla.

Scrive nella sua lettera Maggini, inviata anche a Polizia Municipale, Questura e Carabinieri: "Quest'anno, da quando abbiamo iniziato il corso lo scorso 11 settembre, solo due volte non abbiamo subìto aggressioni. Nei primi casi, alcune partecipanti hanno subìto perdite importanti di documenti personali, soldi, carte di credito e, soprattutto, computer portatili con le proprie attività professionali prima ancora dei ricordi. A quel punto la nostra organizzazione si è tutelata garantendo la preventiva raccolta di borse e preziosi con due persone disponibili e sacrificate alla pratica motoria, per consentire quindi gli allenamenti degli altri con maggior serenità. Ma questo antidoto non è servito molto...".

Infatti dai furti si è passati agli atti vandalici: "Negli ultimi tre martedì, tra le ore 18.30 e le ore 20, nei dintorni della zona del viale delle Piagge ed attorno al bar pasticceria Lilli (rotonda e retro), ci sono stati vari lunotti rotti e tentativi di aperture portiere senza, ovviamente, portare via nulla in quanto le vetture erano vuote di materiali meritevoli di furto".

Un problema che riguarda non solo il centro di Pisa: "Molti altri casi avvengono laddove cerchiamo di allenarci insieme, ad Asciano, come la domenica mattina scorsa alla corsa a Marina di Pisa, dove una dozzina di auto di podisti provenienti da tutta la Toscana sono state danneggiate e derubate con un danno d'immagine del territorio prima di tutto".

"Noi siamo disarmati, disillusi, rassegnati - è l'amarco commento finale di Maggini - ma chiediamo uno sforzo ulteriore a Polizia Municipale e forze dell'ordine laddove esistono noti assembramenti di cittadini, sia per eventi come quello di domenica scorsa a Marina (e giovedì mattina 1 novembre, si sappia già, che sarà a Coltano come domenica prossima a San Piero a Grado, solo per anticipare alla forze dell'ordine potenziali obiettivi di tali delinquenti) o tutti i martedì, da ora e per tutto l'inverno, sul viale delle Piagge nel tardo pomeriggio. Noi possiamo solo approfittare del megafono degli organi di stampa per far sapere a questi soggetti che non troveranno niente dentro le nostre auto e che l'atto vandalico fine a se stesso non trova giustificazione, neppure verso chi ha bisogno e vive in condizioni di forte disagio. Per il resto, amplieremo le misure di sicurezza. Nella speranza di individuarne qualcuno, quando penserà che ci sarà calata la tensione ed arrabbiatura".

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

Torna su
PisaToday è in caricamento