Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: Torre arancione e tante iniziative

La manifestazione è stata presentata a Palazzo Gambacorti dalla vicesindaco Bonsangue. Luci arancioni anche in Logge di Banchi, poi incontro culturale in Sala delle Baleari con mostra di elaborati degli studenti del Russoli

Cade il 25 novembre la 'Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne', ricorrenza istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999. Per celebrare l'appuntamento il Comune di Pisa ha promosso per sabato 24 un incontro di approfondimento e riflessione in Sala Baleari, a partire dalle ore 10. Previsti anche altri eventi, fra i quali l'illuminazione di arancione della Torre di Pisa

A presentare quanto è previsto, a Palazzo Gambacorti, è stata la vicesindaco e assessore alle pari opportunità Raffaella Bonsangue: "Il taglio dell'incontro è informativo e formativo, poi ci sono anche altri appuntamenti a dimostrazione di un'attenzione particolare su questo tema da parte mia personale e dell'amministrazione. Ci sarà infatti la mostra Fidepa - Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari - delle composizioni fatte dagli studenti del Russoli, l'illuminazione delle Logge di Banchi di arancione fino a fine mese, c'è lo striscione sulla giornata appeso a Palazzo Gambacorti e sarà anche issata la bandiera su Ponte di Mezzo. Grazie al contributo di Toscana Aeroporti e Acque Spa sarà illuminata la sera di sabato anche la Torre, il simbolo di Pisa. Un segnale che impegna tutta la città nella lotta non solo alla violenza ma anche alla discriminazione, perché ci sono molti scenari dove c'è differenza ingiustificata di trattamento, come nel lavoro e la retribuzione, quando invece devono contare competenza e merito".

All'incontro parteciperanno come relatori la professoressa Liliana Dell'Osso della Clinica Psichiatrica dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Pisa, Sandra Orsini, vicecommissario della Squadra Mobile della Questura di Pisa, Gina Giani, Amministratore delegato Toscana Aeroporti. Interverrà anche la senatrice Anna Maria Bernini. A coordinare gli interventi il giornalista Cristiano Marcacci e ad arricchire la giornata le letture dell'attore e regista Renato Raimo.

Proprio Raimo ha spiegato che "è importante secondo me lanciare anche messaggi positivi, non solo il lato negativo della denuncia, specie verso le nuove generazioni. Viviamo in un'epoca in cui gli amori si sviluppano e si chiudono con un messaggio sul cellulare, è importante tornare a comunicare, a parlare. Come si faceva ad esempio con le lettere d'amore. Così porterò questo tipo di messaggio con queste letture, spero in una buona partecipazione specie dei giovani".

Proprio i ragazzi delle classi IV e V dell'Istituto d'Arte Russoli sono i protagonisti dell'iniziativa Fidapa, con le loro opere esposte da sabato 23 a martedì 26 al secondo piano di Palazzo Gambacorti. "Ogni anno partecipiamo alla giornata coinvolgendo i giovani - ha detto la vicepresindente di Pisa Maria Chiara Masoni - avremo così 8 pannelli che contengono 26 elaborati che saranno visitabili lungo i corridoi vicino Sala delle Baleari".

Rose rosse ad uncinetto in ospedale

La professoressa Dell'Osso porterà il suo contributo scientifico, dati quindi, ma con un ampio respiro culturale: "Il fenomeno della violenza ha delle determinanti ambientali e se ben guardiamo ci sono origini antiche. Tutta la letteratura greca e latina è piena di un retaggio violento di cui è impregnata la nostra cultura. Come non ricordare le scorribande di Zeus, di fatto uno stupratore seriale, o quanto Apollo abbia inseguito Dafne, praticamente uno stalker. E le origini latine, ricondotte alla storia del Ratto delle Sabine. Quindi la conoscenza e la preparazione sono un grande fattore di resilienza: così come gli operatori di sicurezza si preparano psicologicamente a reggere il colpo di dover operare in contesti difficili, come nei disastri, così si deve imparare a resistere e reagire a forti eventi traumatici come la violenza di genere. Poi è la punta di un iceberg questa, la discriminazione ha un ambito molto più ampio, sembra scontato ancora oggi dirlo, ma è così".

"Voglio ricordare - ha concluso la vicesindaco Bonsangue - che sono ancora aperti i termini (si chiudono il 26 novembre ndr) per le domande di partecipazione al Consiglio delle Pari Opportunità, organo aperto ad associazioni e consigliere comunali, al fine di realizzare progetti che portino avanti la lotta alle discriminazioni e promuovano una cultura di pacificazione nel rapporto uomo-donna. I fatti di cronaca ci sottopongono quasi quotidianamente questa emergenza, ho voluto ricostituire il gruppo per unire gli sforzi e condividere esperienze".

ass consul

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia sulla fidanzata pronta a gettarsi dalla finestra: cadono entrambi nel vuoto

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 14 e 15 settembre

  • Spari al Cep: fermate due persone

  • Annullato lo spettacolo 'Up&Down' di Ruffini in Piazza dei Cavalieri

  • Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 21enne bagnino

  • Ragazzo cade dalle spallette sui lungarni

Torna su
PisaToday è in caricamento