Foibe: a Pisa le celebrazioni per il Giorno del ricordo

Commemorazione alla presenza delle autorità cittadine. Cerimonia istituzionale in Sala delle Baleari

La Commemorazione del Giorno della Memoria, alla presenza delle autorità civili, militari e dell’associazione Giuliano-Dalmata, si è aperta questa mattina, domenica 10 febbra, con la deposizione di corone di alloro al cippo 'Martiri delle Foibe' al Villaggio Profughi di Marina di Pisa e al cippo Vittime delle Foibe e degli esuli Giuliano-Dalmati presso il cimitero suburbano di Pisa.
La cerimonia istituzionale è proseguita presso la Sala delle Baleari del Comune di Pisa, dove il prefetto Giuseppe Castaldo ha ricordato la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, l'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. 
Nell'occasione, ha sottolineato “l’importanza della ricorrenza, istituita per ricordare le vittime delle foibe e le centinaia di migliaia di esuli giuliani dalmati, costretti a lasciare forzosamente le loro terre e a tagliare i legami con le loro radici. Ristabilire la verità e coltivare la memoria sono il frutto di un’opera tenace e preziosa che le associazioni degli esuli e le comunità giuliano dalmata istriana hanno contribuito a realizzare - ha affermato il prefetto - tenere viva la memoria costituisce un antidoto indispensabile soprattutto per le nuove generazioni, che devono guardare il futuro con la piena consapevolezza affinché tali tragedie non abbiano mai più a ripetersi”.

“Il 10 febbraio è un giorno importante, solo da quindici anni dedicato alla memoria delle vittime delle foibe. Non sempre è stato così, purtroppo - ha evidenziato il sindaco di Pisa Michele Conti - proprio ieri il Presidente della Repubblica ha ricordato che per anni è calata una 'cortina di silenzio ingiustificabile' che ha coperto lo scempio delle foibe. Oggi siamo qui per colmare questa grave lacuna. Sempre prendendo in prestito le parole di Mattarella è utile ricordare che 'solo dopo la caduta del muro di Berlino, il più vistoso, ma purtroppo non l'unico simbolo della divisione europea, una paziente e coraggiosa opera di ricerca storiografica, non senza vani e inaccettabili tentativi di delegittimazione, ha fatto piena luce sulla tragedia delle foibe e del successivo esodo, restituendo questa pagina strappata alla storia e all'identità della nazione'".

"E proprio qui a Pisa lo celebriamo con maggiore forza, visto che queste terre molti anni fa hanno accolto una comunità di istriani, giuliani e dalmati che hanno ripreso qui il cammino della loro vita interrotto brutalmente dalle violenze perpetrate nel confine orientale anche dopo la fine della seconda guerra mondiale - ha proseguito il primo cittadino - abbiamo aperto il programma delle celebrazioni per il Giorno del Ricordo con la proiezione del film Red Land in un affollato Cinema Odeon. Abbiamo fortemente voluto che questo evento si svolgesse anche nella nostra città a testimonianza di quanto Pisa sia sensibile a questi temi, una città che fa della memoria un caposaldo di civiltà e rispetto dinnanzi a tragedie e drammi che hanno colpito il nostro Paese nell’arco del secolo scorso".

"Celebrare il Giorno del Ricordo non è soltanto un passaggio formale con cui ottemperare alla Legge dello Stato 92 del 2004, è un modo per onorare quegli italiani vittime delle foibe o condannati all’esodo che per molti anni non hanno avuto neanche un riconoscimento ufficiale delle loro sofferenze dallo Stato - ha concluso Conti - celebrare bene questa ricorrenza significa rendere omaggio alla verità, analizzare e studiare le vicende storiche, culturali e politiche a esse legate, con profondità, sincerità e onestà intellettuale. Questo è l’obiettivo che ci prefiggiamo come istituzione pubblica per questo e per gli anni a venire”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • A leggere i commenti qua sotto vengono i brividi....sembra di giocare a chi ce l'ha piu' lungo con i morti, ma non vi vergognate??!!!!! I morti sono morti e portategli rispetto, chi l'ha uccisi e trucidati sono degli assassini infami, bianchi o neri che siano, di destra o sinistra.! Vergogna!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Ghezzano, incidente nei pressi della Lidl: ferito un ciclista

  • Cronaca

    Migrante morto nel rogo in Calabria: il 29enne era stato spacciatore a Pisa

  • Cronaca

    Municipale, più agenti in centro storico: "Operazione che ricadrà sulle periferie"

  • Cronaca

    Case popolari a Sant'Ermete, il Comune: "Nessun dialogo con chi fa dell'illegalità una bandiera"

I più letti della settimana

  • Intervento chirurgico eccezionale a Cisanello: salvato paziente in gravi condizioni

  • Trascinata dall'auto del fidanzato: è grave

  • Via Cattaneo: chiusa la macelleria islamica

  • Vive in cantina, occupa una casa in Sant'Ermete e il Comune gli fa causa: "Uno dei tanti casi, servono risposte"

  • Tatuatore pisano tiene in ostaggio due persone armato di pistola e coltello: arrestato

  • 'A Silvia' e l'ispirazione poetica: quando Giacomo Leopardi ritrovò l'amore a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento