Autobus: guardie private a bordo per supportare l'attività dei controllori

L'obiettivo è quello di cercare di mettere un freno all’escalation di episodi di violenza che a più riprese si sono verificati ai danni degli operatori

Guardie private a bordo dei bus per supportare l'attività dei controllori. E' quanto prevede un progetto presentato alla Regione Toscana dalla Scarl ONE, la società consortile che raccoglie i gestori del servizio di trasporto pubblico su gomma che operano in Toscana. Il progetto, che dovrebbe essere approvato nelle prossime settimane per un importo di circa 400mila euro e potrebbe essere 'operativo' già dalla prossima primavera, prevede di impiegare le guardie anche su alcune linee 'pisane' della Ctt Nord, l'azienda che gestisce il trasporto pubblico locale nella nostra provincia e in quelle di Lucca, Livorno e Massa Carrara.

La finalità è quella di cercare di mettere un freno all’escalation di episodi di violenza che a più riprese si sono verificati ai danni di controllori ed autisti. "L'obiettivo di questa sperimentazione - spiega il presidente di Ctt Nord, Andrea Zavanella - è quello di migliorare la sicurezza dei nostri verificatori e di conseguenza dei nostri utenti. Nelle prossime settimane definiremo tutti i dettagli e, con un lavoro di approfondimento che faremo insieme ai sindacati, quali sono le linee ritenute più rischio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

  • Ladri in azione nella notte: colpiti negozi del centro

  • Bloccato l'ampliamento di Peretola, il sindaco di Pisa: "Ora avanti con investimenti sul 'Galilei'"

Torna su
PisaToday è in caricamento