Ikea apre le porte al pubblico: primi visitatori già in coda per entrare

Inaugurazione mercoledì per il nuovo punto vendita di Pisa. A fare gli onori di casa l'amministratore delegato Lars Peterson. Colazione svedese prima del classico taglio del tronco. I neoassunti iniziano il loro nuovo lavoro

Taglio del tronco. Pronti, via. Da oggi anche Pisa ha il suo punto vendita Ikea, "più grande di quello di Firenze", come ha tenuto a sottolineare il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, intervenuto al taglio del nastro, scherzando sulla competizione tra le due città, ora entrambe targate con il marchio del colosso del mobile made in Svezia. I primi clienti già dalle prime ore della mattina (l'apertura al pubblico era prevista alle 9.30) erano in coda per entrare nel punto vendita.

Una cerimonia di inaugurazione in vero stile svedese iniziata con una colazione a base di salmone e aringa e in cui si sono succeduti al microfono i vari rappresentanti delle istituzioni locali. A fare gli onori di casa l'amministratore delegato di Ikea Lars Peterson che ha esordito ringraziando Enrico Rossi per il suo intervento per far restare Ikea in Toscana, dopo che sfumò il progetto a Vecchiano. "Rapido, lungimirante, se non fosse stato per lui non avremmo il piacere di mangiare aringhe questa mattina" ha detto sorridendo l'ad gialloblu. "Prima che siate voi a venire a comprare da noi, siamo noi ad aver comprato da voi" ha aggiunto riferendosi all'ambito dei possibili fornitori per la multinazionale svedese e mostrando orgogliosamente tre rotoli di scottex color arancione, prodotti da un'azienda di Lucca. Tematica poi rilanciata dal presidente della Provincia Andrea Pieroni: "Questa è una sfida per il nostro territorio e per la nostra realtà industriale. In molti ci chiedono come poter diventare fornitori di Ikea, io direi innanzitutto raggiungendo un certo livello di qualità nei prodotti e poi avere capacità produttive ed organizzative elevate, visto che fornire questa azienda significa fornire l'intera rete, non solo il punto vendita di Pisa".

Naturalmente soddisfatto anche il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, che non ha nascosto un filo di emozione per questo traguardo raggiunto. "C'è la stessa aria che si respirava all'inaugurazione del Porto di Marina - ha detto - la visibilità che darà Ikea a quest'area permetterà anche di rilanciare il settore della cantieristica navale. Sono contento che ci siano Ikea e Ryanair, Pisa sa accogliere l'Europa, anche se noi non siamo ancora riusciti a portare i nostri prodotti in Europa. Ora vedremo le ricadute sulla viabilità e anche sul portafoglio: mia moglie è venuta qui già stamattina!".

"L'enorme quantità di curriculum arrivati per l'apertura di questo punto vendita dimostra che i giovani non vogliono stare a casa, ma che vogliono lavorare e sono disposti anche a svolgere attività non in linea con ciò per cui hanno studiato, visto che ci sono molti laureati tra i neoassunti (il 45%, ndr)" ha sottolineato il presidente Enrico Rossi che ha lanciato anche un monito ai livornesi: "Bisogna fare lo scavo del porto così che Ikea possa magari legarsi ancora di più al nostro territorio per la logistica". E se Ikea, come ha sottolineato l'ambasciatrice svedese in Italia Ruth Jacoby, aiuta a diffondere ancora di più l'immagine della Svezia nel nostro paese ("Ormai ci sono più negozi in Italia che in Svezia"), il prefetto Francesco Tagliente ha voluto ringraziare la multinazionale per la grande collaborazione in vista dell'apertura. "Ci hanno fornito anche i flussi di visitatori previsti in modo che potessimo pianificare al meglio la viabilità - ha detto Tagliente - l'apertura di questa azienda dà una grande speranza ai nostri giovani: l'opportunità capitata ai neoassunti potrebbe infatti capitare in futuro anche a chi è in cerca di un lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima dell'apertura delle porte, rigorosamente scorrevoli, al pubblico, Rossi, Filippeschi e Pieroni hanno effettuato un tour nel negozio, guidati dallo stesso ad Peterson che ha fornito alcune spiegazioni sulla disposizione degli arredi.
Prima del rituale taglio del tronco, con la sega tenuta dal sindaco Filippeschi e dallo store manager Magnus Andersson, i nuovi dipendenti Ikea si sono fatti immortalare sulla tipica scalona in legno che conduce all'esposizione. E forse vedere negli occhi di tutti questi ragazzi la grinta e la soddisfazione per avercela fatta, ha ripagato gli amministratori locali, Enrico Rossi in testa, di tutte le fatiche per far restare Ikea in Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento