Incidenti: aumentano i morti sulle strade della provincia, diminuiscono in Fi-Pi-Li

E' quanto emerge dai dati del Sirss, il Sistema Integrato Regionale per la Sicurezza Stradale

Foto d'archivio

Aumenta il numero di morti sulle strade della provincia di Pisa (+7 rispetto al 2016) ma diminuiscono i decessi sulla Fi-Pi-Li (5 morti e 43 incidenti in meno rispetto al 2016), con una netta inversione della tendenza in aumento che aveva caratterizzato i cinque anni precedenti. E' quanto emerge dai dati del Sirss, il Sistema Integrato Regionale per la Sicurezza Stradale. Dati che si riferiscono all'anno 2017 e che riguardano l'intera Toscana.

I dati in Toscana

Nel 2017 in Toscana si sono verificati 16.099 incidenti stradali che hanno causato il ferimento di 21.390 persone e 269 morti. Rispetto al 2016, diminuiscono del 2,5% gli incidenti e del 2,9% i feriti, in misura superiore al dato nazionale (rispettivamente -0,5% e -1,0%); il numero delle vittime della strada selle strade toscane aumenta dell'8%, a fronte di un dato nazionale di +2,9%. Insomma nella nostra regione si sono verificati meno incidenti stradali, ma con conseguenze più gravi per le persone coinvolte.

"I dati Sirss ci preoccupano - ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli - e confermano quanto già evidenziato nell'anno precedente, ovvero che la gran parte dei morti sulle strade sono conseguenza del mancato rispetto delle regole e della distrazione, sempre più spesso causata anche dall'utilizzo dello smartphone durante la guida". 

Le vittime della strada sono soprattutto maschi (82%) e che il maggior numero delle vittime sono classificate come 'utenti vulnerabili', cioè pedoni e conducenti o passeggeri di veicoli a due ruote, che rappresentano il 54% del totale dei decessi. Questo dato è in diminuzione rispetto al 2016, dove la percentuale era pari al 61%, ma ancora superiore a quello nazionale (50%). Diminuiscono i decessi tra i pedoni (-12) e tra i conducenti/passeggeri di ciclomotori (-6), mentre aumentano decisamente tra i motociclisti (+11). I conducenti o passeggeri di autovetture rappresentano il 41% dei decessi per incidente stradale, in aumento rispetto al 2016 di 27 unità.

Tra i comportamenti sbagliati che causano incidenti, i più frequenti sono il mancato rispetto della segnaletica e della precedenza e le manovre o svolte irregolari (all'origine del 47% degli incidenti). La guida distratta e l'eccesso di velocità causano il 28% degli incidenti non mortali e ben il 42% degli incidenti mortali.
 

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento