Neonato morto: l'autopsia rileva i gravi traumi provocati dall'airbag

Serviranno altri accertamenti per capire se lo scoppio dell'airbag sia stato la causa della morte. Sabato l'ultimo saluto

Si terranno domani, sabato 22 febbraio, in forma laica, a Colignola, i funerali del neonato di due mesi morto domenica scorsa in seguito ai traumi riportati nel tamponamento avvenuto in via Manghi. Proprio la frazione sangiulianese, dove la famiglia di origine albanese viveva da tempo, darà dunque l'ultimo saluto al piccolo, con i negozi che abbasseranno le saracinesce in segno di lutto.

Intanto si è conclusa anche l'autopsia sul corpicino del bambino che viaggiava sull'ovetto sul sedile anteriore del passeggero. Secondo i primi accertamenti l'ovetto era collocato nella giusta posizione (con le spalle verso il cruscotto), ma l'airbag, che avrebbe dovuto essere disattivato, è invece scoppiato provocando gravi traumi al neonato, come riscontrato anche dall'esame autoptico. Ma per capire se proprio lo scoppio dell'airbag sia stata la causa della morte dovranno ancora essere completate le indagini sulla dinamica dell'incidente e l'analisi dell'auto sul quale viaggiva la famiglia albanese (la madre e il fratellino erano seduti sui sedili posteriori). Per la morte del piccolo risultano indagati per omicidio colposo i due genitori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento