Incidente in superstrada: morte due donne

Quattro invece le persone ferite. Una delle due donne è morta poco dopo l'arrivo in ospedale

La drammatica scena dell'incidente

Si aggrava il bilancio dell'incidente stradale avvenuto questa mattina, 25 giugno, intorno alle 8.30 in superstrada Fi-Pi-Li all'uscita di Livorno Porto. Oltre alla donna di 75 anni, Anna Maria Carmini, deceduta sul colpo in seguito allo scontro con un tir, è morta anche un'altra donna, Diva Corsinovi, 80 anni, che era stata trasportata d'urgenza con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale Cisanello di Pisa: la signora è deceduta poco dopo l'arrivo al pronto soccorso. Entrambe le donne, di Empoli, viaggiavano a bordo di una Volkswagen Up.
A Cisanello è stato trasportato anche un uomo, mentre altri tre feriti meno gravi si trovano all'ospedale di Livorno.

La terribile carambola ha coinvolto due mezzi pesanti, un'autocisterna trasportante gasolio ed una bisarca, e tre auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il traffico sulla superstrada è andato in tilt per buona parte della mattinata con lunghe code che arrivavano fino a Tirrenia. La Polizia stradale, intervenuta sul posto, ha svolto i rilievi del caso e soltanto intorno alle 12.15 la situazione è tornata alla normalità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Il Giugno Pisano si farà: "Eventi simbolici per dare continuità alla tradizione"

Torna su
PisaToday è in caricamento