Aeroporto: interrogazione in Regione su calo passeggeri e investimenti

A promuoverla è il consigliere regionale Andrea Pieroni

Il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni vuole accendere i riflettori sul calo dei passeggeri dell’aeroporto di Pisa, presentando un’interrogazione in Regione. Nel testo si chiede quali siano i motivi della flessione dei passeggeri riscontrata nel 2019, come scritto nei dati di Toscana Aeroporti dei primi nove mesi dello scorso anno, dove il traffico di Pisa (4.255.589 passeggeri) scende a -1,9% rispetto allo stesso periodo del 2018 e due collegamenti (Trapani e San Pietroburgo) sono stati interrotti. Al contrario i passeggeri del Vespucci di Firenze (2.195.248, la metà di quelli pisani), aumentano del +3,4% rispetto al 2018; i dati sono risultati confermati a novembre 2019 con -1,7% del traffico di Pisa e il +4% di Firenze.

"Se il sistema aeroportuale toscano vuole diventare il terzo polo in Italia (almeno 11 milioni di passeggeri), devono essere garantiti gli opportuni investimenti per proiettare Pisa verso i 7 milioni di passeggeri" è quanto afferma Pieroni, che estende poi il pensiero ai lavoratori "dato che si stima che ogni milione di passeggeri richieda circa un migliaio di addetti tra diretti e indotto. “Rimane centrale poi - prosegue - la questione dei collegamenti ferroviari con Firenze: impiegare nuove vetture, più idonee anche ai movimenti turistici, ridurre i tempi di percorrenza e riorganizzare la tratta conciliando i collegamenti diretti con il pendolarismo. Se investiamo su Pisa quale aeroporto intercontinentale e su Firenze come city airport il Galilei e il Vespucci sarebbero davvero complementari, evitando una concorrenza deleteria che alla fine avvantaggerebbe Bologna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dunque è opportuno sapere cosa intenda fare Toscana Aeroporti - afferma Pieroni - per valorizzare lo scalo internazionale di Pisa dal punto di vista dei voli, dei servizi e degli investimenti infrastrutturali necessari al suo potenziamento. E a che punto si trovano gli investimenti previsti, di circa 65 milioni di euro, per la qualificazione dello scalo di Pisa e come intenda attivarsi la Regione nei confronti di Toscana Aeroporti per velocizzare l’avvio degli interventi programmati. Lavori previsti per l'estate 2019, per i quali urgono rassicurazioni circa l'annunciato avvio a marzo 2020".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento