Inquinamento dell'aria, allarme polveri sottili: "Si esprima la politica"

Nasce a Pisa l'associazione 'La Città Ecologica' per la promozione della riconversione ecologica della mobilità. Costantemente superati i valori-guida indicati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

Non c'è la criticità che si vive in altre zone d'Italia, ma la questione inquinamento atmosferico a Pisa desta preoccupazione. Lo sostiene, e per questo è in corso di costituzione, l'associazione 'La Città Ecologica', in prosecuzione della discussione lanciata dal convegno 'Politiche dei trasporti per una mobilità ecologica a Pisa e nell'area vasta. Dal tram-treno alla mobilità dolce' che si è svolto a Palazzo Gambacorti lo scorso 23 gennaio. "Siamo i relatori pisani del convegno di Amt Toscana - spiega uno degli esponenti, Pierluigi D'Amico - abbiamo deciso di proseguire a livello locale questa esperienza. Con me ci sono altri esponenti di vecchia data dei temi ambientali".

D'Amico è stato fra i fondatori di Legambiente negli anni '80 ed assessore nella giunta Floriani, area Verdi. Lo scopo dell'associazione è quello di promuovere la riconversione ecologica della città, con un ripensamento della mobilità verso una riduzione dei flussi di traffico. "Vorremmo che la politica si esprimesse di più sulla questione, non solo su aspetti come la sicurezza. Il nostro obiettivo è far emergere i problemi e promuovere iniziative, ma anche quello di far prendere posizione alla politica. Ovviamente siamo fuori dai partiti, non siamo candidati da nessuna parte".

Polveri sottili: i dati di gennaio

I dati raccolti dai monitoraggi Arpat da 'La Città Ecologica' mostrano già alcuni superamenti dei limiti previsti per gennaio 2018. Per le PM10 la stazione di Pisa Borghetto ha superato una volta i 50 ugr/mc, mentre per le PM2,5 i superamenti del valore medio annuale di 25 ugr/mc sono stati 7, per la stazione di Pisa I Passi sono stati 5. I valori medi registrati nel mese sono stati per le PM10 31,9 per Pisa Borghetto e 24,8 per I Passi, meno della media annuale limite di 40 ugr/mc, ma più dei parametri suggeriti alle nazioni dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, valore di media annuale pari a 20 ugr/mc. Stesso discorso per le PM2,5: 19,2 Pisa Borghetto e 15,6 I Passi, valore medio annuale previsto 25 ugr/mc, valore guida dell'OMS annuale 10 ugr/mc.

"Gli Stati non fissano parametri più bassi, come dice l'OMS, perché sanno che sforerebbero sempre - afferma D'Amico - la situazione dell'inquinamento atmosferico in città è sicuramente migliore di quella che si registra al nord, dove la situazione è decisamente allarmante. Non stiamo paragonando Pisa a Torino, dove ci sono già stati vari blocchi del traffico. La situazione però non è tranquilla. I dati rilevati nelle due centraline mostrano come non siano rispettati i valori guida individuati dall'OMS come limite per la salvaguardia della salute umana".

In particolare " tenendo conto che nessuna delle due stazioni è collocata dove presumibilmente è maggiore l'inquinamento da traffico, dal momento che anche quella di piazza del Rosso è sì in una zona abbastanza trafficata (ma c'è di molto peggio) ma sufficientemente ventilata, di fatto essendo collocata sul lungarno Buozzi. La soluzione, l'unica possibile - conclude D'Amico - è nota da tempo: ridurre drasticamente tutti i flussi di traffico motorizzato ed ampliare lo spazio e le infrastrutture per la mobilità ecologica (pedonale, ciclabile, elettrica)".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Anticipiamo i tempi: entro 5-7 anni Solo auto ibride o elettriche nel centro storico! Furgoni idem. Parcheggi esterni per visitatori e turisti e navette elettriche o ibride. Stop ai parcheggi in centro. Facciamo di Pisa la prima città carbon free d’Italia. Notorietà internazionale. Vedrai come si gongolerebbero gli amministratori

  • La centralina situata in piazza Guerrazzi è stata furbescamente rimossa perchè non ritenuta più consona dai nostri amministratori i quali avrebbero dovuto prendere probabilmente seri provvedimenti."Riconversione ecologica della città, con un ripensamento della mobilità verso una riduzione dei flussi di traffico.“ Sono circa 20 anni che sentiamo questa proposta con due sindaci: Fontanelli prima e Filippeschi poi che non sono stati capaci neppure di affrontare il problema del traffico veicolare e della viabilità con circa 70.000 ingressi di veicoli giornalieri!! Ora spunta una fantomatica associazione: "La città ecologica" a rifare le stesse proposte e, come sembra, senza potere politico! Mi chiedo: "Dove era questo sig. D'Amico negli ultimi 20 anni?"

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nuova Arena: mobilità e parcheggi a Porta a Lucca al centro dell'assemblea pubblica

  • Economia

    'Terre di Pisa': 26 Comuni uniti per lanciare il territorio

  • Cronaca

    Pontedera: la videosorveglianza si espande 'Fuori del Ponte'

  • Cronaca

    RadioEco ancora in onda: rinnovata la convenzione con l'Università

I più letti della settimana

  • I pesciolini d'argento (che non vivono nell'acqua): cosa sono e come proteggere la casa

  • Ateneo in lutto: è morto il professor Pietro Armienti

  • 'Pisa Air Show': tutto quello che c'è da sapere per vedere lo spettacolo

  • Pisa Air Show: il programma dello spettacolo sul litorale pisano

  • Trovato morto a Londra in un cassonetto giovane 23enne di Montopoli

  • Canapisa, tutto pronto: quartiere stazione blindato

Torna su
PisaToday è in caricamento