Laboratorio clandestino di occhiali falsi in un elegante palazzo del centro: maxi sequestro

La Guardia di Finanza ha trovato occhiali e etichette, oltre a tutto il necessario per eseguire la contraffazione. La merce era nascosta anche in una botola nel pavimento

Un laboratorio clandestino per la produzione di occhiali contraffatti con le più importanti griffe all'interno di un elegante palazzo nel centro di Pisa, a due passi da Piazza dei Cavalieri. E' stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Pisa che ha sequestrato, nel corso della perquisizione 6225 paia di occhiali e oltre 27mila etichette delle più prestigiose marche di moda (Gucci, Oakley, Prada, Ray Ban, Ferrari, Police, Dior).

Era una vera e propria officina, dotata di tutti i mezzi necessari per trasformare dei semplici occhiali in accattivanti oggetti alla moda, pronti per essere venduti nelle spiagge del litorale pisano e ai turisti in visita alla Torre. Sul banco di lavoro, strumenti di precisione, tutto l’occorrente per imprimere sulle lenti i segni dei più famosi brand e tantissime etichette.

Durante i controlli le Fiamme Gialle hanno anche individuato una botola, coperta da un tappeto, dove veniva nascosta parte della merce contraffatta.

Il titolare dell’impresa illecita è stato identificato e denunciato all’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

Torna su
PisaToday è in caricamento