Riglione: scoperta dalla municipale fabbrica del falso

Il blitz dopo il monitoraggio di alcune abitazioni in cui, già in passato, venivano contraffatti i prodotti di importanti marche

Il nucleo antidegrado della polizia municipale di Pisa ha scoperto un opificio del falso a Riglione. Durante l'attività di monitoraggio di alcune abitazioni, all'interno delle quali anche in passato era stata accertata la contraffazione di marchi di note case produttrici di prodotti di lusso, è stato notato un cittadino senegalese, già conosciuto dalle forze di polizia in quanto denunciato per contraffazione e vendita di merce con marchi contraffatti; durante il controllo, nel borsone nero che portava con sé, sono stati rinvenuti piumini con marchi contraffatti  'Woolrich' e 'Colmar'.

E' così scatta la perquisizione nell’abitazione, all'interno della quale sono stati trovati altri piumini con marchio 'K-Way' e tute e felpe con marchi Fila, Gucci, Ralph Lauren, Nike ecc. I capi sono risultati di ottima qualità, ripiegati e imbustati singolarmente con etichetta in cartoncino, come fossero all'interno di un deposito di un negozio. "La scoperta di questo laboratorio - ha detto l'assessore alla Sicurezza Giovanna Bonanno - si va ad aggiungere agli altri effettuati nei mesi scorsi dalla polizia municipale. Plaudo al comandante Stefanelli e agli agenti per questa operazione condotta con grande abilità e professionalità".

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

Torna su
PisaToday è in caricamento