Volterra, viale Trento e Trieste: via ai lavori per ricostruire il paramento murario

Strada chiusa dal 4 al 6 agosto, dalle ore 7 alle ore 19, per permettere l'intervento. L'assessore ai lavori pubblici: "Lavori fondamentali per la sicurezza stradale e per il rinforzo di un versante che esce dai crolli più forte e sicuro di prima"

La frana che ha colpì il viale di Volterra

Viale Trento e Trieste, sarà chiusa al traffico dal 4 al 6 agosto, dalle ore 7 alle ore 19 per i lavori di ricostruzione del paramento murario, crollato in seguito alla frane che hanno colpito Volterra il 9 e il 10 febbraio 2014.

"Con questi lavori - spiega l’assessore ai Lavori pubblici di Volterra, Paolo Moschi - si va a sistemare definitivamente quello che era diventato un intralcio sulla viabilità: successivamente si passerà alla messa in sicurezza anche del secondo tratto, nelle prossimità di Porta San Felice. Lavori tanto attesi e fondamentali per la sicurezza stradale oltre che di rinforzo di un versante che esce dal periodo dei crolli più forte e sicuro di prima".

Pertanto verranno utilizzate per i mezzi leggeri, di massa inferiore alle 3,5 tonnellate viale Porretti e viale D'Annunzio, viale dei Filosofi come alternativa, mentre i mezzi di massa superiore dovranno in quei giorni effettuare percorsi alternativi.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Bollette della luce: consigli per non avere brutte sorprese d'estate

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

Torna su
PisaToday è in caricamento