Crisi occupazionale Vodafone: possibili licenziamenti anche a Pisa

Il piano dell'azienda prevederebbe l'esubero di circa 800 dipendenti, sui 2mila impiegati a livello nazionale (400 solo a Pisa): Il PD: "Si apra un tavolo di crisi regionale"

La revisione del piano industriale annunciata da Vodafone crea qualche timore anche a Pisa. La ristrutturazione societaria, che colpirebbe soprattutto gli operatori di 'customer care', prevederebbe infatti il licenziamento di circa 800 dei 2mila dipendenti impiegati a livello nazionale. Nella città della Torre sono impiegate circa 400 unità, tra cui anche diverse donne con contratto part time. 

Sull'argomento il consigliere regionale del PD, Antonio Mazzeo, ha presentato una mozione, sottoscritta anche dai consiglieri regionali Dem Alessandra Nardini, Andrea Pieroni e Giacomo Bugliani, per chiedere alla Giunta regionale di impegnarsi per "aprire al più presto un tavolo di crisi regionale per confrontarsi con i vari soggetti interessati al processo di ristrutturazione del piano industriale di Vodafone per disegnare un quadro chiaro della situazione e individuare la soluzione di maggiore tutela per i lavoratori". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di una situazione in evoluzione, lo sappiamo - spiegano i consiglieri - e siamo a conoscenza delle iniziative che a livello nazionale sono già state intraprese dai sindacati, ma è importante dimostrare la vicinanza della Regione ai lavoratori che stanno vivendo giorni difficili in attesa di risposte. Abbiamo deciso di portare la questione all’attenzione della giunta regionale così da poter valutare i reali impatti che tale strada intrapresa dall’azienda potrebbe avere sulla Toscana e in particolare sul territorio di Pisa, già notevolmente colpito a livello occupazionale dalla crisi economica degli ultimi anni. Il nostro obiettivo, oltre a quello di tutelare l’occupazione esistente, sarà al contempo quello di mettere in campo tutte le azioni necessarie anche a riqualificare il lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

Torna su
PisaToday è in caricamento