'Il litorale che vorrei': le idee di sviluppo del litorale pisano di Confcommercio

In un documento l'associazione indica all'amministrazione 10 interventi infrastrutturali ed altrettanti di recupero per rilanciare la costa

Il presente e il futuro del litorale pisano in 20 proposte. In un documento sottoscritto e inviato questa mattina, 10 ottobre, al sindaco di Pisa Michele Conti, Confcommercio Provincia di Pisa e Sindacato Italiano Balneari Sib sintetizzano nella formula 'Il Litorale che vorrei' 10 progetti di riqualificazione e 10 progetti infrastrutturali per offrire nuovo slancio e risolvere alcune delle criticità della costa pisana.

"Non c'è più tempo da perdere - afferma il direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli - ci sono questioni che stanno sul tavolo da troppo tempo e i commercianti e gli stabilimenti balneari del litorale chiedono un intervento chiaro e incisivo su opere di fondamentale importanza". Tutte proposte che il presidente di Conflitorale Confcommercio Fabrizio Fontani ritiene assolutamente sostenibili da parte dell'amministrazione comunale: "L'obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita di cittadini e commercianti del Litorale e i nostri amministratori devono capire che non si tratta solo di richieste, ma di interventi urgentissimi e di vitale importanza che possono essere attuati con un'attenta programmazione".

Su Marina di Pisa la prioritaria resta l'acquisizione e il recupero di piazza Viviani, la riqualificazione del Lungomare, la manutenzione e il rilancio delle spiagge di ghiaia, il potenziamento del porto di Pisa. Per Tirrenia c'è piazza Belvedere, poi piazza dei Fiori e il recupero dell'ex Ciclilandia, fino alle strade interne e al raddoppio della Pisorno. Il documento ripropone anche il progetto della 'Via del Mare', un camminamento parallelo al viale del Tirreno, pedonabile, ciclabile e realizzato con materiale ecologico, dal Bagno Lido al Bagno Mary nel primo tratto e dal Bagno Roma al Calambrone nel secondo tratto.

Per Calambrone c'è il recupero delle ex colonie, sia residenziale che ricettivo, e l'adeguamento e creazione di una viabilità alternativa capace di ridurre drasticamente il traffico in alta stagione. Tra le 20 proposte del 'Litorale che vorrei' anche progetti trasversali: dall'ampliamento del servizio di primo soccorso all'implementazione di Spiagge Sicure; la realizzazione di una metropolitana di superficie sul modello Trammino; il monitoraggio dell'erosione costiera; la creazione di una Beach Arena; sostegno fiscale per l'apertura di nuove attività commerciali; il rinnovo del protocollo di intesa per la riqualificazione degli stabilimenti balneari.

I punti

I 10 progetti infrastrutturali

  1. Acquisizione e recupero di Piazza Viviani

  2. Riqualificazione del Lungomare di Marina, aree di parcheggio e arredo urbano

  3. Rilancio del Porto di Marina di Pisa e dell'area circostante

  4. Riqualificazione Piazza Belvedere, Piazza dei Fiori e area ex Ciclilandia, risistemazione strade interne a Tirrenia

  5. Raddoppio Via Pisorno

  6. Intervento viabilità a Calambrone

  7. Recupero del Trammino come metropolitana di superficie

  8. Via del Mare, progetto di camminamento pedonale sopraelevato

  9. Monitoraggio dell'erosione costiera

  10. Beach Arena

I 10 progetti di riqualificazione

  1. Ampliamento servizio Primo Soccorso

  2. Sviluppo del progetto Spiagge Sicure

  3. Rilancio Spiagge di ghiaia

  4. Progetto Vistamare per il collegamento direttore tra città e Litorale Pisano nelle ore serali

  5. Incentivi per nuove attività commerciali e pubblici esercizi

  6. Rinnovo protocollo di intesa per stabilimenti balneari

  7. Sviluppo della “Via delle acque” con collegamenti fluviali con incile e darsena e creazione di un centro fieristico vicino al Litorale

  8. Attività di promozione dei turismi da sviluppare e veicolare sul Litorale durante tutto l'anno

  9. Definizione attenta e opportuna dell'azione vincolante del Parco di Migliarino-San Rossore, non come limite e freno allo sviluppo, ma significativo mezzo di attrazione turistica

  10. Maggiori investimenti per un cartellone di eventi più ricco e più importante, attingendo alle risorse dalla tassa di soggiorno versata dalle strutture ricettive del Litorale Pisano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

Torna su
PisaToday è in caricamento