Lotta al degrado: nuova tappa a Calcinaia e Fornacette degli 'Acchiapparifiuto'

Pulito il fosso che costeggia via del Camposanto Vecchio ed altre aree della frazione. Il Comune invita i cittadini a segnalare comportamenti scorretti

Giovedì 19 aprile, gli operatori della Cooperativa Sociale Ponteverde, diventati gli 'Acchiapparifiuto' e già inclusi nel progetto comunale 'Opportunamente', insieme ad un dipendente comunale addetto, hanno passato in rassegna alcune zone di Calcinaia e Fornacette bisognose di essere pulite dai rifiuti abbandonati.

Le zone interessate sono state a Calcinaia il fosso che costeggia via del Camposanto Vecchio, preso di mira da 'abbandonatori' seriali. A Fornacette sono stati invece ripuliti la rotatoria in via della Botte, Piazza della Chiesa Vecchia e Piazza Ciompi, sia il pozzo che l'area a verde circostante.

L'amministrazione rinnova ai cittadini l'invito a segnalare al Comune, tramite i mezzi di comunicazione messi a disposizione, ogni abbandono di cui siamo testimoni. Ogni informazione è preziosa sia per orientare il servizio di 'Acchiapparifiuto' verso un intervento mirato, sia per cercare di scovare i trasgressori che si sono resi colpevoli dello scempio, passibili di multe salate.

Collaborare con gli Acchiaparifiuto è facie: è possibile usare la 'Fabbrica del Cittadino', il portale web raggiungibile tramite smartphone scaricabile gratuitamente su smartphone e pc. Poi l'indirizzo mail dell'Ufficio Ambiente, ambiente@comune.calcinaia.pi.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Identificato il cadavere in Arno: è dell'anziana scomparsa da Santa Maria a Monte

  • Cadavere di una donna in Arno: recupero in corso

  • Lanciano un petardo in una paninoteca sui lungarni: titolare colpito con un pugno

  • Danneggiamenti nelle scuole durante l'occupazione, gli studenti: "Condanniamo i vandalismi, siamo dispiaciuti"

  • Perde il controllo dell'auto e finisce in un negozio

  • Scuole occupate, 'libero' l'Itis 'Da Vinci-Fascetti': danni e devastazione

Torna su
PisaToday è in caricamento