Luminara, la denuncia di Confesercenti: "Tavolini dei bar rimossi dalle 17"

L'associazione di categoria: "Danno economico evidente per le attività di somministrazione. Il Comune modifichi l'ordinanza"

"Anche quest’anno, per la Luminara, il Comitato dell’ordine pubblico ha imposto alle attività di somministrazione la rimozione dei tavolini e delle sedie". E' quanto denuncia Confesercenti Toscana Nord che chiede al Comune di Pisa di modificare l'ordinanza. "Il divieto - scrive l'associazione di categoria in una nota - è valido per le attività di somministrazione che si trovano in quelle arterie che sono indicate come vie di fuga e tra queste l’asse commerciale Corso Italia-Borgo. In queste ore le attività di somministrazione situate nella 'zona rossa' hanno ricevuto la lettera della Sepi che comunica l’obbligo di rimozione solo di tavoli, sedie ed eventuali ombrelloni dalle 17 di domenica 16 alle 5 di lunedì 17".

"Ancora una volta decisioni che riguardano le attività commerciali - afferma Francesco Mezzolla, nuovo responsabile del centro storico di Confesercenti Toscana Nord - sono state prese dal Comitato dell’ordine pubblico senza coinvolgere o quanto meno ascoltare le associazioni di categoria. Purtroppo questa è una regola: basta citare l’ultimo esempio di Canapisa. L’ultimo incontro con la nostra presenza risale al 2017 in un momento delicato a seguito dei fatti di Torino. Non mettiamo assolutamente in discussione le questioni legate alla sicurezza ma chiediamo che siano applicate con buon senso. Togliere i tavolini ad un pubblico esercizio in questo periodo è un evidente danno economico come ci hanno evidenziato i colleghi che si sono immediatamente rivolti alla nostra associazione una volta ricevuta la lettera della Sepi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Confesercenti il divieto poteva esser posticipato alle ore 20. "Secondo noi - conclude Mezzolla - ci potrebbero essere margini anche per modificare questa decisione in vista di domenica. E comunque chiediamo ufficialmente, e per l’ennesima volta, che la prefettura quando prende decisioni le cui conseguenze ricadono sulle attività commerciali ascolti anche le associazioni di categoria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Il Giugno Pisano si farà: "Eventi simbolici per dare continuità alla tradizione"

Torna su
PisaToday è in caricamento