Maleodoranze San Piero a Grado, Coldiretti al fianco dei cittadini: "Sia fatta chiarezza"

L'associazione di categoria si schiera al fianco degli abitanti del territorio che da settimane protestano contro i miasmi avvertiti

Pieno sostegno da Coldiretti ai cittadini di San Piero a Grado che da settimane chiedono chiarezza sulle maleodoranze provenienti da un'azienda agricola del territorio.

"Le loro preoccupazioni sono legittime - commenta il direttore di Coldiretti Pisa Francesco Ciarrocchi - sappiamo che le autorità competenti hanno presentato formale denuncia e auspichiamo che venga fatta piena luce sulla natura e l'entità di quanto accaduto. Ci associamo alle parole dell'Ente Parco quando afferma che occorrono pratiche agricole che migliorino la qualità del suolo e dei prodotti, e raccogliamo l'appello lanciato ancora dal Parco, per un coinvolgimento degli operatori nella creazione di nuove regole condivise".

"Quello dei fanghi di depurazione, anche se in qualche modo trattati - spiega ancora Ciarrocchi - è un tema delicato, perché può incidere sulla salute dei cittadini. Come associazione di agricoltori riteniamo che sia sempre meglio utilizzare concimi naturali provenienti dalle stalle; grazie alla pellettizzazione e all’essiccazione è possibile fertilizzare in modo naturale anche aree lontane dagli allevamenti, senza ricorrere ad ammendanti di origine industriale o di incerta composizione e provenienza. Un terreno ricco di sostanza organica inoltre trattiene l’acqua, con un valore ulteriore contro l'inaridimento e il rischio idrogeologico".

"Per quanto riguarda i fanghi di depurazione provenienti dal trattamento delle acque reflue urbane - dice ancora Ciarrocchi - è necessario puntare sulla qualità dei processi produttivi, diffidando da soluzioni facili o dall'origine incerta. Diversa è la posizione sugli scarti industriali, che riteniamo non debbano essere smaltiti in agricoltura perché costituiscono una minaccia al suolo, alle falde e quindi alla salute dei cittadini". A fronte di notizie che potrebbero intaccare la fiducia con il territorio, il direttore di Coldiretti Pisa ribadisce che "la tutela dei consumatori, degli agricoltori stessi e delle coltivazioni, restano i principi di riferimento dei nostri produttori". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento