A Marina di Pisa nasce il consorzio 'Le lumache del Parco'

L'inaugurazione a giugno. Sarà uno dei più grandi centri di allevamento di lumache di tutta Italia e l'unico a sorgere all'interno di un'area protetta

Sarà uno dei più grandi centri di allevamento di lumache di tutta Italia e l’unico sorto all’interno di un parco naturale protetto. Verrà inaugurato a fine giugno a Marina di Pisa, all'interno del centro ippico Boccadarno, il consorzio ‘La Lumaca del Parco’. A realizzare il progetto, grazie ad un investimento di circa 400mila euro, due imprenditori: Marco Salvadori, 36enne livornese, e Gian Marco Panini, 39 anni, pisano.

"Il consorzio La Lumaca del Parco - spiega Marco Salvadori - nasce per diventare un punto di riferimento e centro di eccellenza a livello nazionale per la produzione di lumache di prima scelta, le cosiddette escargot. La nostra missione è quella di allevare le nostre chiocciole in modo etico e sostenibile per fini gastronomici, oltre che per la raccolta di bava di lumaca di prima qualità. La base operativa di tutto il progetto sarà quella dell'ex ippodromo di Marina di Pisa, recentemente riconvertito a centro ippico da salto, all’interno del parco naturale di San Rossore che, dopo circa un anno e mezzo di trattative, ci ha dato l'esclusiva possibilità di poter applicare il suo marchio ai nostri prodotti e di diventare cosi 'azienda certificata del parco'".

Un'opportunità importante, dal punto di vista commerciale. "Potersi fregiare del marchio del Parco - continua Salvadori - significa poter comunicare e trasmettere l'esclusività e la qualità del nostro prodotto, autandoci a generare fatturati più consistenti. A questo va sommato il fatto le nostre chiocciole vengono allevate all’aperto in appositi recinti seguendo il metodo dell’allevamento a ciclo biologico completo, un format che va ad aggiungere al marchio un ulteriore elemento qualitativo".

Da pochi giorni sono iniziati i lavori per realizzare gli allevamenti con l’obiettivo di inaugurare l’attività a fine giugno. "L’estensione dei nostri allevamenti - prosegue Salvadori - sarà di 5 ettari, ma non si esclude la possibilità che questa possa ulteriormente crescere nei prossimi anni. La nostra idea è quella di fondere la produzione e la distribuzione di prodotti food, come salse e quant’altro, che potranno essere venduti a ristoranti, alimentari e supermercati, a visite guidate ed eventi che possano far conoscere l'affascinante mondo dell'elicicoltura al pubblico. Visitando il consorzio il visitatore potrà inoltre avere accesso alla visita del nostro centro ippico e scoprire cosi, in un’unica soluzione, il bellissimo mondo dell'allevamento di lumache e cavalli da salto. Infine un’altra interessante possibilità è quella di creare una linea cosmetica a base della famosa bava di lumaca".

Ma come è nata l'idea di realizzare un progetto del genere? "Io provengo dal mondo dell'enologia - conclude Salvadori - e mi è sempre piaciuto quindi stare a contatto con la natura. Cinque anni fa, dopo aver fatto un'analisi di mercato e aver scoperto che quello delle lumache è uno dei mercati maggiormente in crescita, ho aperto insieme ad un altro socio un allevamento in Bulgaria, sfruttando alcuni finanziamenti europei. Da allora l'attività è andata sempre in crescendo, così un anno e mezzo fa ho pensato che questa esperienza poteva essere ripetuta anche in Italia. Ho coinvolto un nuovo socio e siamo partiti con il progetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, quando arriva la neve in pianura

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

  • "Elicotteri da guerra nella fabbrica di Ospedaletto": Rebeldia contro Leonardo Spa

  • Donna scomparsa a Volterra: trovata morta in fondo alle Balze

  • Neve e ghiaccio in Toscana: allerta meteo

  • "Un'offesa senza precedenti": è polemica sul video del trapper Bello Figo girato all'Università

Torna su
PisaToday è in caricamento