Migranti in arrivo a Pisa: per ora strutture non idonee all'accoglienza

Dopo una prima tranche di migranti sbarcati giovedì sera all'aeroporto 'Galilei' e diretti nelle province di Firenze, Siena, Prato e Arezzo, venerdì sono previsti due ulteriori voli. Quaranta persone resteranno a Pisa

Si è svolta ieri sera in Prefettura la riunione convocata dal prefetto Francesco Tagliente per mettere a punto la gestione dei 140 stranieri arrivati ieri all’aeroporto di Pisa, e diretti a Firenze, Siena, Prato e Arezzo, e per trovare una soluzione per l’accoglienza dei 40 cittadini stranieri annunciati in arrivo oggi a Pisa secondo il piano straordinario di distribuzione elaborato dal Ministero dell’Interno a seguito dei recenti sbarchi di migranti sulle coste italiane.

All’incontro hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze e Corpi di Polizia e i rappresentanti del Comune di Pisa e della Provincia, della Società della Salute, della Croce Rossa e degli Aeroporti.

Il prefetto ha chiesto a tutti gli organismi competenti di far conoscere, entro la mattinata di oggi, la disponibilità di strutture idonee ad assicurare la prima accoglienza e la gestione degli immigrati.

Le prime proposte avanzate da alcuni partecipanti al tavolo, a seguito di un sopralluogo fatto nell’immediatezza, non sono state ritenute idonee.
Stamattina proseguiranno quindi i sopralluoghi e le verifiche per trovare comunque, nella provincia, una soluzione.

Oggi sono attesi all’aeroporto di Pisa due ulteriori voli, con immigrati provenienti da Agrigento e da Siracusa.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

Torna su
PisaToday è in caricamento