Vespa diventa una moneta grazie alla Zecca di Stato

Disponibile in tre versioni di colore, ha la Vespa moderna su un lato e quella storica sull'altro

Da oltre settanta anni icona di eleganza Made in Italy, Vespa è uno dei marchi più noti al mondo e ora è anche una moneta, anzi una collezione di monete formata da tre eleganti esemplari da collezione disegnati dal Gruppo Piaggio in partnership con la Zecca dello Stato.

Realizzate in prezioso argento e in tre varianti colore (bianco, rosso e verde), le monete compongono la bandiera italiana quando acquistate in trittico. Esposte in bella mostra all’interno di una sobria ed elegante confezione, le monete da cinque euro sono realizzate in argento fior di conio con inserti colorati che mettono in evidenza le celebri forme di Vespa che qui è raffigurata, sulle due facce, sia nella attuale versione Primavera sia nella sua prima forma, quella che, nella primavera del 1946, dette il via a una storia di straordinario successo industriale.

Passato e presente si fondono così in un oggetto unico, destinato a collezionisti e veri intenditori in grado di apprezzare il ricco valore simbolico di queste monete. Le monete sono acquistabili sul sito web www.shop.ipzs.it sia singolarmente che in trittico, rispettivamente al prezzo di quaranta e cento euro.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Bollette della luce: consigli per non avere brutte sorprese d'estate

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 13 e 14 luglio

Torna su
PisaToday è in caricamento