Lutto a Perignano: è morta la madre di Don Armando

Grande commozione espressa dai volontari dell'associazione Bhalobasa, fondata dallo stesso don Zappolini

Don Armando Zappolini

Un lutto ha colpito Don Armando Zappolini, parroco di Perignano (comune Casciana Terme-Lari): è morta la madre, la signora Sarah.
Le condoglianze a Don Armando arrivano dai volontari dell'associazione Bhalobasa Onlus: "Le parole si nascondono tra le lacrime, in momenti come questi. Purtroppo la mamma del nostro fondatore, presidente onorario, amico e riferimento, Don Armando Zappolini, è morta. Ogni volta che abbiamo vissuto una perdita lui era lì, a stringerci, a farci sentire affetto infinito dov’era dolore profondo. Ogni volta abbiamo trovato le sue mani sicure, la sua fede, il suo calore, tutto il suo cuore. Abbracciamo Armando, suo padre Vasco e la sua famiglia, come sa fare lui, con trasporto e forza, riuscendo a sollevarci. Tutti insieme possiamo farcela. Sarah era una donna gentile, dolce, luminosa, aveva un sorriso e un pensiero per ognuno di noi, con la tenerezza di una grande mamma. I suoi funerali saranno giovedì alle 14.30, nella chiesa di Santa Lucia di Perignano. Saremo lì a darle il nostro ultimo, commosso saluto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Acqua potabile, dal 1° luglio scatta il divieto di uso improprio

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento