Lutti: l'Università di Pisa piange la scomparsa del professor Fabrizio D'Amico

Il ricordo dell'eminente studioso di Storia dell'arte contemporanea è affidato al professore suo allievo Mattia Patti

E' scomparso a 69 anni a Roma, la sera di sabato 9 marzo, Fabrizio D'Amico, eminente studioso di Storia dell'arte contemporanea e per oltre dieci anni professore dell'Università di Pisa. Noto al grande pubblico per i suoi articoli di critica sul quotidiano 'La Repubblica', D'Amico ha condotto studi di grande importanza sull'arte italiana del XX° secolo, curando volumi e ordinando mostre nelle principali istituzioni museali.

A ripercorrere la sua vita sul sito dell'Università è il professore di Storia dell'arte contemporanea, suo allievo, Mattia Patti. "Nato nel 1950, Fabrizio D'Amico si era laureato a Roma con Cesare Brandi e Valentino Martinelli. Dopo l’esordio, maturato nel campo della storia dell'arte moderna, si era avvicinato rapidamente al contemporaneo, avviando presto e con decisione diverse, parimenti fruttuose linee di ricerca. Alla metà degli anni Ottanta fu tra i protagonisti del rinascere degli studi sull'arte italiana fra le due guerre, segnatamente sulla Scuola Romana. A questo ambito di ricerca si ascrive l'importante mostra 'Roma 1934' (Modena e Roma, 1986) e, con essa, numerosi saggi di carattere monografico (tra gli altri su Mario Mafai, Antonietta Raphael, Fausto Pirandello e Ferruccio Ferrazzi)".

"D'Amico fu senz'altro uno dei primi studiosi a riconoscere - scrive sempre Patti - gli elementi di continuità fra il tempo estremo del ventennio fascista e l'immediato dopoguerra (come testimoniato dalla grande mostra 'Pittura e realtà', curata insieme a Flaminio Gualdoni nel 1993). Ha composto pagine memorabili su Afro Basaldella, Achille Perilli, Giulio Turcato e molti altri protagonisti di questa felice stagione dell'arte italiana. Autore di ampie e precise ricognizioni, come in 'Roma 1950-’59' (Ferrara, 1995), D’Amico ha al contempo dedicato speciale attenzione a figure che la critica ancora non aveva appieno apprezzato. In quest’ottica si possono intendere gli studi su Antonio Sanfilippo (di cui ha co-curato il 'Catalogo generale dei dipinti') e, soprattutto, su Toti Scialoja, di cui D'Amico è stato e resta uno dei massimi esegeti. A Scialoja D'Amico ha dedicato una monografia, edita nel 1991, e numerose, importanti mostre, allestite nel corso degli anni a Ferrara, Modena, Parigi e Verona".

L'attività dello studioso si è focalizzata anche sul contemporaneo: "D'Amico ha a lungo seguito l’opera di artisti viventi, curando mostre e studi su pittori e scultori appartenenti a generazioni diverse. A tal proposito egli ha speso particolari energie nel campo della scultura, facendosi promotore, spesso insieme a Giuseppe Appella e Nino Castagnoli, di estese esplorazioni, poi tradotte in mostre o in fascicoli della rivista 'Quaderni di Scultura Contemporanea'. Ha lavorato intensamente anche su alcuni grandi 'solitari' del XX° secolo: Filippo de Pisis, Osvaldo Licini (di cui ha contribuito al rilancio degli studi, alla metà degli anni Duemila) e Giorgio Morandi, suo grande e ineludibile amore, ripetutamente oggetto di lezioni universitarie durante gli anni pisani".

L'ultimo ricordo: "In aula Fabrizio D’Amico sapeva luminosamente coniugare un rigoroso approccio storiografico, fondato sull'esegesi documentaria, con una appassionata e profonda lettura dell'opera d'arte. Il ricordo delle sue lezioni è sempre vivo e ha lasciato una traccia profonda nel lavoro dei molti suoi allievi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

Torna su
PisaToday è in caricamento