Multata per aver viaggiato con l'auto con targa straniera: "Vittima di ingiustizia"

A parlare è una delle prime due persone sanzionate in città dopo l'entrata in vigore del Decreto Sicurezza: "Vivo a Pisa da 13 anni e da 9 l'auto è registrata a Pisamo. Nessuno mi ha avvertito delle nuove norme"

"Mi sento vittima di un'ingiustizia". A parlare è la ragazza greca che sabato mattina è stata multata dalla Polizia Municipale di Pisa per aver circolato in città con una macchina con targa straniera. Si tratta delle prime sanzioni applicate a Pisa sulla base della norma contenuta nel 'Decreto Sicurezza'. In sostanza: chi risiede in Italia da oltre 60 giorni non può circolare con un veicolo targato oltre frontiera.

"Vivo in zona aeroporto - racconta la giovane, studentessa di Medicina e cameriera in un ristorante della città, che preferisce però rimanere anonima - e sabato mattina sono stata fermata da 2 vigili sul cavalcavia, a nemmeno 200 metri da casa, mentre con la mia macchina stavo andando a fare la spesa. Una volta che ho consegnato agli agenti i documenti sono partite le chiamate. Dopo poco mi hanno detto che se non avessi immediatamente pagato la multa di 500 euro la mia macchina sarebbe stata accompagnata da un carro attrezzi fino ad Ancona per poi essere espatriata in Grecia. Il tutto a mie spese. Non avendo questa somma con me sono stata costretta a chiamare il mio datore di lavoro che ha pagato subito le sanzione per me".

Il mezzo, una Seat ibiza del 2007, si trova ora in fermo amministrativo. "In sostanza - prosegue la ragazza - la macchina è in garage ma non posso utilizzarla fino a che non viene messa in regola, con la carta di circolazione e la targa che sono ora nelle mani della Polizia. A questo punto ho tempo 180 giorni per mettere una targa italiana o far rimpatriare il mezzo in Grecia, altrimenti il mezzo diventa proprietà dello Stato Italiano. Il problema è che per mettere la targa italiana il procedimento burocratico è lungo e costoso. La mia targa deve essere inviata dalla motorizzazione italiana a quella greca. A quel punto le autorità locali devono produrre tutta una serie di certificati che poi vanno tradotti nella lingua italiana. Diciamo che si parla almeno di 2/3 mesi di tempo e di una spesa, tra bolli, traduzioni e tutto, di circa 1500 euro. Propendo quindi per farla rimpatriare ad Olimpia, da dove provengo. Ma anche in questo caso dovrò sborsare circa un migliaio di euro".

Una bella mazzata insomma che si aggiunge ad una multa già molto elevata. "Sono residente a Pisa da 13 anni - prosegue la giovane - e dal 2009 ho la macchina registrata alla Pisamo. Come mai non hanno mandato una comunicazione che mi avvertiva delle nuove norme? Mandano comunicazioni di ogni tipo, ma questa non è arrivata. Così mi ritrovo senza macchina per andare a lavorare e costretta a sborsare cifre considerevoli. Bastava solo una mail ed avrei evitato questo incubo".

Sulla vicenda abbiamo chiesto alcuni chiarimenti al comandante della Polizia Municipale di Pisa, Michele Stefanelli. "Gli agenti - dice il comandante - hanno cercato di far capire alla ragazza la gravità della situazione. La sanzione può essere stata pagata subito per due motivi: il primo è che l'articolo 207 del codice della strada prevede che gli stranieri, per aver diritto alla riduzione del 30% sull'importo della multa ('sconto' che generalmente è applicato quando la sanzione viene pagata entro i primi 5 giorni, ndr), devono pagarla immediatamente all'agente accertatore. Così è stato fatto e la giovane ha pagato 498 euro, invece delle 712 previste dalla sanzione. In secondo luogo, pagando subito la multa, la ragazza ha potuto tenere l'auto con sè, nel suo garage. Nel caso invece in cui la sanzione non fosse stata subito saldata il mezzo sarebbe stato sequestrato e tenuto in magazzino in attesa di essere messo in regola".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (19)

  • continuate con i controlli ci sono tanti furbi in giro....anche auto italiane non assicurate.

  • Bene se continuano si risana il bilancio!!! C'è pieno di macchine con targhe straniere..

  • Scusate, ma viene detto che è vive in Italia da 13 anni, non che non paga il bollo da 13 anni. Lo state semplicemente dando per scontato o era regolare che chi aveva l'auto straniera non pagava il bollo?

    • Lei lo sa quante auto italiane non pagano ne assicurazione, ne bollo? Semmai la cosa positiva di questa norma è la non facile identificazione delle targhe estere ma di determinate zone europee. Le macchine della zona cosi detta Europa 1 non hanno questo problema poiché le convenzioni sono molte chiare. Le difficoltà si presentano con targhe SLO, ROM, BG ecc

  • Ma! Vivi in Italia paga l'assicurazione in italia e il bollo in italia. Ne hai ridparmiati di soldi in 13 anni. Senso dell'articolo?

  • .......e ce ne sono tante altre da mettere in regola.....e alla svelta.....

  • 13 anni di bolli non pagati,brava!!!gli altri sono scemi???

    • Immagino che il bollo lo paga in Grecia così come chi gira in Francia, Spagna, Grecia con targa italiana(paga il bollo in Italia). La sua è un po fuori luogo

      • Avatar anonimo di Luca
        Luca

        Ma abita in italia e usa i sevizi italiani. Quindi le tasse le deve pagare qua. Il suo commento e' fuori luogo

        • E le macchine italiani che girano a l'estero? O esiste la libera circolazione in Europa o non esiste. Un conto sono quelli che fanno i furbi e che girano con targhe BG, ROM, SLO che non pagano multe e peggio girano con assicurazioni fasulli(già pagato sulla mia pelle: subito un incidente da una macchina con targa bulgare e l'ho preso nel ...). un altro conto sono macchine dell'area Europa 1 con convenzioni precise. Caro Luca il problema non è il bollo che non pagano ma le false assicurazioni, le multe che non pagano(e dunque sono potenzialmente più menefreghisti sulle strade). Quindi basterebbe pagare il bollo in Italia e la targa estera va bene? No comment!

  • Ignorantia legis, non excusat. E' finita la cuccagna.

  • Furbetta beccata!! ????????????

  • Bene, fai la targa e paga il bollo come tutti i normali e nessuno ti romperà più le scatole. Era ora. Finito il gioco delle targhe straniere finalmente. Grazie decreto sicurezza.

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    Uno che risiede a Pisa da 13 anni non ha nessun motivo di avere una macchina con targa straniera, a meno di voler pagar meno tasse. Quindi ben gli sta

  • Se sei residente a Pisa da 13 anni, sarà il caso di pagare bollo e assicurazione in Italia anziché in Grecia? Inoltre se risiedi a Pisa da 13 anni, sarà il caso di guardare un telegiornale di tanto in tanto? Dopotutto queste notizie le danno e dopo 13 anni che risiedi a Pisa si presume che un po' d'italiano l'hai imparato. Registrarsi presso la PiSaMo non significa nulla, la PiSaMo non è tenuta a nulla. In qualunque paese si scelga di vivere, è chiaro che non è sufficiente chiedere le leggi solo il giorno di arrivo sperando restino immutate anche dopo 13 anni. E la prima cosa che spero le abbiano insegnato è che in Italia nessuno ti manda avvisi per dirti che la legge è cambiata, sta ad ognuno di noi informarsi ogni giorno tramite i media.

  • Avrebbe dovuto far finta di averla rubata.....se la cavava con un paio di firme.

    • Quanta ragione hai!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Edicola chiusa in Borgo: "Deve rimanere, è un simbolo di lotta alla mafia"

  • Cronaca

    Ecco la NightLAM: di notte si viaggia gratis a bordo dell'autobus

  • Cronaca

    Edifici Erp: al via le manutenzioni per gli immobili di via Galluzzi e via di Padule

  • Cronaca

    Piazza Sant'Antonio: all'asta l'ex stazione degli autobus

I più letti della settimana

  • I pesciolini d'argento (che non vivono nell'acqua): cosa sono e come proteggere la casa

  • Pisa Air Show: il programma dello spettacolo sul litorale pisano

  • Dermatite atopica: visite gratuite al Santa Chiara

  • Cinque ristoranti dove mangiare carne a Pisa

  • Pulizia e igienizzazione della lavatrice: alcuni consigli utili

  • Canapisa, tutto pronto: quartiere stazione blindato

Torna su
PisaToday è in caricamento