Il sindacato: "I neolaureati non siano impiegati nei reparti Covid-19"

Il Sindacato Generale di Base fa appello alla Regione ed alla Prefettura per un'organizzazione d'emergenza che non metta in pericolo personale e pazienti

Immagine di archivio

No all'arruolamento di infermieri neolaureati e tirocinanti del corso di laurea in Infermieristica per sopperire alle carenze di personale nella lotta contro il Covid-19. Lo ribadisce in una lettere inviata alla Regione Toscana ed alla Prefettura di Pisa il Sindacato Generale di Base, preoccupato per la salute dei futuri operatori e per la collettività: "La loro scarsa esperienza lavorativa, associata alla cronica carenza o inadeguatezza dei dispositivi di protezione individuale, potrebbero mettere a serio repentaglio la loro incolumità, quella dei pazienti e delle persone che li circondano".

"Gli infermieri - prosegue Sgb - sono quelli che passano il loro tempo a stretto contatto con i pazienti contagiati, a stretto contatto con le persone positive al Coronavirus, sono loro i più esposti al rischio di contrarre il Covid-19 , per questo riteniamo che mandare allo sbaraglio migliaia di giovani sia una scelta scellerata per quanto dettata da una situazione di emergenza. Riteniamo inoltre che la presenza di neolaureati senza pratica clinica sia un fatto gravissimo che va impedito perchè riduce la sicurezza delle cure mettendo a rischio la vita dei pazienti e dello stesso personale sanitario. Chi lavora in un reparto Covid deve essere altamente specializzato in quanto deve far fronte a situazioni di estrema urgenza come quelle della terapia intensiva, aggravate dal pericolo di contagio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Riteniamo che la scelta più opportuna - conclude il sindacato - sarebbe stata quella di utilizzare gli infermieri più esperti, con anni di lavoro alle spalle, nei reparti a rischio, mandando i nuovi assunti a coprire i posti lasciati scoperti negli altri reparti. Per quanto sopra chiediamo a chi di competenza di intervenire a garanzia di tutti: pazienti, neoassunti e infermieri in servizio nei reparti interessati, in modo da gestire l'emergenza in modo da ridurre al minimo i rischi connessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

Torna su
PisaToday è in caricamento