Coronavirus, cambia (di nuovo) l'autocertificazione: ecco il nuovo modulo

Il nuovo modello è in linea con l'ultimo decreto pubblicato oggi in Gazzetta ufficiale. Ecco cosa cambia

Autocertificazione coronavirus, ecco il nuovo modulo

Cambia di nuovo il modulo per l'autocertificazione dei cittadini che devono spostarsi.  Lo prevede una circolare inviata ai prefetti. 

Nel nuovo modulo, si legge sulla pagina della Polizia di Stato, "sono state riviste in modo restrittivo le circostanze che legittimano gli spostamenti al di fuori della propria abitazione". Alla luce del nuovo decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ci si può infatti muovere soltanto per i seguenti motivi:

  • comprovate esigenze lavorative
  • esigenze di assoluta urgenza (per gli spostamenti in un comune diverso)
  • situazione di necessità (per gli spostamenti all'interno dello stesso comune)
  • motivi di salute

Nel modello precedente tra le motivazioni che giustificavano lo spostamento figrurava anche il rientro nella propria abitazione. Il rientro nel luogo di domicilio o residenza, spiega la Polizia di Stato, è ora consentito "solo nel caso in cui lo spostamento all'esterno è connesso ai motivi sopra elencati. Ad esempio, rientra negli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, il tragitto (anche pendolare) effettuato dal lavoratore dal proprio luogo di residenza, dimora e abitazione al luogo di lavoro".

Tra le esigenze di assoluta urgenza rientrano anche i casi in cui ci si reca presso aeroporti, porti o stazione ferroviari per riportare un proprio familiare a casa. 

Il nuovo modulo di autocertificazione

Nel nuovo modello (che potete scaricare in basso o sul sito della Polizia) ci sono però altre novità. Oltre alla residenza ad esempio bisogna indicare anche dove si è domiciliati. E' poi necessario specificare il luogo di partenza e quello di destinazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCARICA QUI IL NUOVO MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

Il modulo deve essere controfirmato da un operatore di Polizia. Resta valido il consiglio di portare con sé l'autocertificazione in caso di spostamenti necessari. Se non si ha la possibilità di stamparla, in caso di controlli bisogna rendere una dichiarazione spontanea alle forze dell'ordine, che verrà poi trascritta.

Fonte Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento