Nuovi contatori del gas e consumi anomali: Consumatori Attivi spiega cosa fare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

E' allarme contatori. Già da qualche tempo infatti si parla delle presunte anomalie che stanno viziando il rilievo dei consumi di gas da parte dei nuovi contatori elettronici. In pratica, pare che i contatori girino a vuoto nonostante non vi sia l'effettiva erogazione del gas e, di fatto, segnerebbero consumi non reali, con evidente grave danno ai portafogli delle famiglie italiane. "Stiamo ricevendo numerose segnalazioni di utenti che sospettano che anche il loro contatore abbia tali difetti", spiega l'associazione pisana Consumatori Attivi. "In effetti, in molti casi, i cittadini che si rivolgono ai nostri sportelli per una prima consulenza gratuita, ci portano delle bollette che presentano consumi del tutto incoerenti rispetto a quelli abituali, con cifre esorbitanti che appaiono francamente ingiustificate e che si potrebbero spiegare proprio per il malfunzionamento del contatore". In altre parole, anzichè semplificare la vita degli utenti, questi nuovi contatori sarebbero una vera e propria trappola. "Il nostro consiglio," aggiunge Consumatori Attivi, " è quello di verificare con attenzione se i costi contenuti nella bolletta sono in linea coi consumi abituali e, in caso contrario, rivolgersi ai nostri sportelli per una prima verifica. È infatti sempre necessario inoltrare una formale contestazione delle bollette nei confronti del gestore del gas, se si ritiene che vi siano anomalie, e chiedere un controllo del contatore. Altrimenti, se non si contesta, si rischia di dover pagare anche quanto non dovuto". Per ricevere ogni informazione, è possibile contattare la sede pisana di Consumatori Attivi al numero 3512959514 o all'indirizzo di posta elettronica toscana@consumatoriattivi.it, oppure visitare il sito www.consumatoriattivi.it e la pagina facebook Consumatori Attivi.

Torna su
PisaToday è in caricamento